Pisa: L'aereoporto si integrerà con Peretola?

 Massimo Masiero per costaovest   Riuscirà la Toscana a diventare il terzo polo nazionale aeroportuale? La domanda se la sono posti in molti dei partecipanti al termine del convegno sul ruolo dell’aeroporto Galilei di Pisa nel piano nazionale degli aeroporti, che si è svolto nella sala Fratelli Antoni dell’aerostazione passeggeri, organizzato dalla Società Aeroporto Toscano.
Il confronto che è emerso dagli interventi è stato utile a fare chiarezza, dopo le recenti prese di posizione fiorentine sulla necessità della città d’avere un aeroporto di maggior prestigio.
Il presidente della Regione, Enrico Rossi, è stato chiaro.
E’ necessario che tra Pisa e Firenze sia creata una concreta integrazione con una caratterizzazione forte di Pisa, che ha strutture e un piano di sviluppo già operativo per continuare a svolgere il ruolo di traffici commerciali e passeggeri.
Firenze potrà essere cityairport per una grande area che attrae milioni di turisti.
La posizione "forte" di Pisa è motivata dagli oltre quattro milioni di passeggeri del 2011 e dal continuo incremento di traffici low cost e cargo.
Il polo è stato auspicato anche dal ministro delle infrastrutture Altero Matteoli, che ha concluso gli interventi, invitando le due città a presentare un progetto di piano integrato al suo ministero.
"Ma occorre far presto – ha detto – superando le polemiche e ragionando in una visione toscana e non comunale perché il tempo stringe e il futuro del traffico passeggero è destinato raddoppiare con intere nazioni come la Cina, l’India e il Brasile stanno spostando uomini e merci sempre più sulle vie aeree".
Durante il convegno, moderato da Roberto Bernabò, direttore de "Il Tirreno", una sottolineatura è stata fatta anche perché siano intensificati i contatti per realizzare il collegamento diretto da Pisa a Sciangai.
La Sat, che gestisce l’aeroporto pisano, ha presentato un piano di sviluppo di tutto rispetto che si basa su interventi imponenti per il trasporto merci con lo spostamento e la creazione di nuove strutture funzionali al trasporto, il miglioramento degli accessi viari e ferroviari, l’ampliamento della stazione passeggeri, il nuovo cargo village e il collegamento ferroviario veloce "people mover" tra la stazione di Pisa Centrale in una connessione ad altissima frequenza con standard di servizio europei per migliorare la mobilità cittadina introducendo una fermata in corrispondenza dei parcheggi scambiatori della via Aurelia e di via di Goletta.
L’accordo di programma è stato sottoscritto il 13 [...]

Leggi tutto l'articolo