Pisa: Urban sea

   cura di Alessandra Ioalé e Massimo Pasca Spazio di diffusione e discussione, di contaminazione e condivisione dell’arte e per l’arte; un luogo non deputato all’arte, ma in cui gli artisti hanno la possibilità di esprimersi in live, stabilendo così un contatto nuovo con il pubblico, che assiste coinvolto in un’atmosfera fatta di chiacchiere, risate, bevute, ma soprattutto buona musica, in cui si annullano definitivamente non solo le distanze tra pubblico ed artista, ma anche tra gli artisti stessi.
Il progetto Urban Sea, a cura di Alessandra Ioalé e Massimo Pasca, nasce con l’obiettivo di realizzare tutto ciò, attraverso una ricca programmazione di live painting, che vede il susseguirsi ciclico, tra giugno e agosto, di personalità artistiche locali e nazionali, scelte per la loro peculiare ricerca, che si sviluppa intorno a due principali tematiche: la città vista e interpretata, con occhio critico e talvolta sarcastico, come scenario quotidiano in cui vive l'uomo; quest'ultimo ritratto e indagato nei suoi vizi e trasgressioni, nelle sue debolezze e paure, o più semplicemente nella sua condizione di essere vivente nella società odierna, come accade nelle opere degli artisti che si esibiranno in live durante i tre mesi estivi. Questo mese: Cristina Gardumi, Premio Laguna 2012, che col suo “Bestiario” ci regala ogni volta uno spaccato intimo e personale sulla natura dell’essere umano; CollettivoMensa, né un collettivo né una mensa, ma tre giovinotti lucani che dal 2008 producono a Firenzeuna rivista di letteratura, fumetto e molto altro.; Francesco Barbieri, artista pisano dalla lunga ed intensa esperienza come writer, sperimenta i molteplici soggetti mutuati dal folklore tipico dei graffiti dei muri delle nostre città. Cristina Gardumi 6-7 luglio ore 21 Collettivomensa 13-14 luglio ore 21 Francesco Barbieri 20-21 luglio ore 21 www.arnovivo.it arnovivo@gmail.com  Arno Vivo Lungarno Bruno Buozzi - Pisa Lun - Gio: 21.00 - 1.00/ Ven - Sab: 21.00 - 2.00 / Dom: 21.00 - 1.00 Ingresso libero   undo

Leggi tutto l'articolo