Pisa Spalle come in un bèr firme

Son passati tre giorni e tutto ancora mi risòna nell'orecchi, mi scorre sulla pelle d'oca, mi ripassa davanti all'occhi 'ome in un firme visto ar cinema trent'anni fa, vando ci portavi la bimba e a ripensacci ir firme te lo riòrdi poo, lo rivedi sfoàto ma tutte vèlle sensazioni 'e provasti ti restano bene ammènte e le rivivi còr magone e i lucciòni all'occhi.
L'immagini della partita di domenìa mi scorrano 'ome fotogrammi in un ambiente 'olorato, dove sfilano veloci l'abbracci strinti strinti còll'amici 'e vedi sempre e solo allo stadio, varsiasi stadio sia,basta 'e gioi ir pisa.
E te l'abbracci perchè ni vòi bene lì, con quella sciarpa nerazzurra, 'on quella maglietta addòsso, con quella 'roce tatutata sur braccio, sur collo, sur groppone, sur porpaccio … dappertutto … e l'abbracci si mortipriàno vando ir pisa segna.
Vene sur collo, occhi di fòri, muscoli tirati, buzzi 'e sartellano, puppe 'e sbatacchiano inzieme a tanti tanti sorrisi belli e sinceri di chi ner solito momento gode per quer pallone che s'infila nella porta sotto la sudde.
Un pallone solo soletto, gonfio ir giusto, sbatacchiato di và e di là che ner momento in cui vede la rete, la vòle tocca', ci si vole strofina' addosso e gonfialla e quando supera vèlla riga bianca pare fermassi e anda' avanti per la spinta di ventimila occhi che si spalancano e pare penzacci bene prima di buttaccisi, guasi a godessi ir momento fin'all'urtimo.
E quando poi chiude l'occhìni e si tuffa su quer filo tutto annodato, come fosse un ragno di dù 'ili allamato, ci si rotola e si gode ir boato dello stadio.
Tutto per lui e di vèr piede, quella chiorba, vèllo stinco che ce l'hanno spinto e che ora è li che corre 'ome 'un matto per ir campo abbracciato a vell'artri tutti vestiti di nerazzurro.
Domenìa la trama der firme dell'emozioni era parecchio 'ompriàta e chi l'ha studiata ha penzato bene di fa' sta' bene un gocciolino anche tutti vèlli 'e s'erano sistemati in sudde.
Tutti ve' pigiamini a striscine azzurre (chi 'un ce l'ha avuto un pigiamino a striscine azzurre ? Vabbè le bimbe ce l'avevano a strisce rosa ma a Ferrara vèllo bianco e azzurro se lo mettano anche le bimbe.
Valle a capi' !?) bellini pigiati a 'empi' un settore che era tanto che 'un vedeva un popò di gente e s'era stufato di presta' li scalini solo alli stiuarte o a quelli della miseriordia.
Loro tutti ringalluzziti dar primo posto in crassifia e còr sapore della B già in bocca, gòdano per primi vando Mora la stiaccia di testa e Bindi decide d'un rovina' la festa a tutta vèlla [...]

Leggi tutto l'articolo