Pista ciclabile /1

Sfuma il progetto della pista ciclabile Olevano -Mortara ? L'idea di realizzare una pista ciclabile tra Mortara ed Olevano risale a qualche anno fa, quando sindaco era Enzo Padovani. Così facendo, si intendeva dirottare il traffico di pedoni e ciclisti dalla strada provinciale, fonte di grave pericolo.
Purtroppo, l'assenza di risorse impedì di trasformare l'auspicio in realtà.Con Roberto Spairani il progetto acquistò concretezza, in quanto la società Terna chiese al Comune l'autorizzazione per il passaggio dell'elettrodotto Trino-Lacchiarella, con un indennizzo previsto di 250.000 €: di questi, 200.000 € furono destinati alla pista ed i rimanenti 50.000 € alla realizzazione di un parco.L'amministrazione prese poi accordi con la Provincia per l'ampliamento della strada provinciale: ciò avrebbe consentito il transito dei mezzi pubblici, impedito dalle dimensioni della rotabile.   Durante l'ultima campagna elettorale, anche il futuro sindaco Luca Mondin promise di risolvere il problema dei trasporti pubblici, in virtù dell'impegno della Provincia di allargare la via.Stando a quanto si apprende dai mezzi di informazione, le speranze di vedere operative tutte queste opere rischiano di sfumare.I gruppi di minoranza attendono l'evolversi degli eventi, in particolare aspettano di conoscere il contenuto degli accordi presi dal sindaco con il Comune di Mortara.
Si riporta qui sotto la cronaca del quotidiano indipendente La Provincia Pavese del 19 febbraio 2010.
  Il sindaco Mondin: "Bisogna vedere se i fondi sono sufficienti" Olevano, tempi lunghi per la ciclabileResta da decidere la fattibilità dell'opera OLEVANO.
Tempi lunghi per la nuova pista ciclabile tra Mortara e Olevano, finanziata dalla Terna: a breve dovrebbe avvenire un incontro tra l’assessore ai lavori pubblici del comune di Mortara Gianfranco Morone e il sindaco di Olevano Luca Mondin per valutare la fattibilità dell’opera.
Che potrebbe anche non essere realizzata: «La pista ciclabile - spiega Mondin - si trova infatti per due terzi sul territorio di Mortara, e vorremmo valutare costi e caratteristiche tecniche dell’opera, verificando anche se i finanziamenti sono sufficienti.
Se ci saranno tutti i requisiti necessari, e se entrambi ci troveremo d’accordo su come impostarla, allora procederemo.
Altrimenti possiamo sempre discuterne».
E aggiunge: «I tempi per la concessione della somma sono lunghi: Terna ci dovrebbe concedere in cambio del passaggio sul nostro territorio comunale dell’elettrodotto una cifra di circa 500 mila euro, da [...]

Leggi tutto l'articolo