Pleurotus ostreatus

Pleurotus ostreatus Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Pleurotus ostreatus Pleurotus ostreatus Classificazione scientifica Regno: Fungi Divisione: Basidiomycota Classe: Basidiomycetes Ordine: Agaricales Famiglia: Pleurotaceae Genere: Pleurotus Specie: P.
ostreatus Nomenclatura binomiale Pleurotus ostreatus (Jacq.) P.
Kumm., 1871 Partecipa al Progetto:Forme di vita ? Caratteristiche morfologiche Pleurotus ostreatus cappello convesso imenio lamelle decorrenti sporata bianca nudo saprofita commestibile Leggere le avvertenze prima di consumare i funghi raccolti.
Segui il Progetto Funghi Pleurotus ostreatus (Jacq.) P.
Kumm., Führer Pilzk.
(Zwickau): 24, 104 (1871).
Si tratta di una delle specie fungine più coltivate e conosciute nel mondo; in Italia è molto comune e viene denominata comunemente orecchione o fungo ostrica. Pur essendo molto apprezzata, secondo svariati autori non è qualitativamente comparabile con i porcini; alcuni affermano che possieda un sapore "trascurabile".
Descrizione della specie Esemplari adulti di ostreatus Cappello Allo stadio iniziale di crescita assume una forma convessa, intimamente unito ad altri cappelli che gli crescono attorno; successivamente una forma di ostrica o di ventaglio, eccentrico, spesso imbricato con altri cappelli, a volte numerosi.
Il colore varia da bruno-violaceo, bruno-rossiccio o grigio-biancastro; il margine è involuto, liscio, ma a maturità tende ad appianarsi con andamento gibboso-lobato, presentando anche delle fratture.
Il diametro può misurare mediamente 20-25 cm.
Cuticola serica, ma diventa decisamente vischiosa con il tempo umido.
Lamelle Fitte, intercalate da lamellule, mediamente larghe e spesso ramificate; lungamente decorrenti sul gambo, di colore da biancastro a bianco-crema o grigiastre.
Gambo Laterale od eccentrico, irregolarmente cilindrico, talvolta assai corto, assottigliato alla base, assume spesso un aspetto fusiforme; di colore bianco o biancastro, ricoperto più o meno fittamente di pruinosità pelose di colore grigiastre o bruno-grigiastre; alto 2-6 cm e spesso 1-2 cm.
Spore Bianche in massa, cilindriche, lisce, 8-12 x 3-4 μm.
Carne Molto compatta, soda, bianca.
Odore: forte, di farina fresca.
Sapore: dolciastro, molto gradevole, più aromatico ed intenso negli esemplari spontanei piuttosto che in quelli coltivati.
Commestibilità Ottima, specialmente se il fungo viene cotto alla graticola, gastronomicamente molto versatile.
Si presta molto bene alla coltivazione.
Proprietà terapeutiche Le informazioni qui riportate hanno solo un [...]

Leggi tutto l'articolo