Point Break - Punto di rottura, recensione di Biagio Giordano

Point Break - Punto di rottura, di Kathryn Bigelow, con Patrick Swayze, Keanu Reeves, produzione Usa, anno 1991, genere thriller, durata 122 minuti.
Agente della Polizia (Keanu Reeves) s'infiltra in gruppo di surfisti per trovare 4 criminali professionisti che, mascherati da ex presidenti degli Stati Uniti d'America, rapinano alcune banche di Los Angeles, essi lo fanno senza uccidere né terrorizzare i presenti, riuscendo però, dopo il colpo, a far perdere le proprie tracce con geniale abilità.
L'agente scoprirà a sorpresa un altro mondo, fatto di modi di vivere lontani da ogni idea di crimine fine a se stesso, una realtà animata da filosofie affascinanti che non si separano mai da un costume coerente, trasgressivo, ricercato e amato in un presente dove l'utopia appare come già realizzata. L'agente ne rimarrà coinvolto fino in fondo, fino a vivere drammaticamente il contrasto finale, la scissione che deriva tra la sua funzione punitiva e la scoperta di un ambiente che lo affascina.
Gran...

Leggi tutto l'articolo