Policlinico. La Cgil chiede al Commissario la revoca dell’affidamento del servizio di vigilanza

Cronaca 23/05/2008 Policlinico.
La Cgil chiede al Commissario la revoca dell’affidamento del servizio di vigilanza Il bando , in scadenza il 27 maggio, prevede la riduzione di 30 unità di lavoro La Cgil nuovamente all’attacco del Policlinico.
La Filcams ha, infatti, inviato una lettera al Commissario Straordinario dell’Azienda Sanitaria, Giuseppe Pecoraro, per chiedere che venga immediatamente sospesa la trattativa privata per l’affidamento del servizio di vigilanza indetta per il prossimo 27 maggio.
Il bando, che ha durata di 4 mesi prevede una drastica riduzione del livello occupazionale da circa 40 unità di lavoro a 10 col passaggio da 26 a sei postazioni giornaliere.
“Come emerso nel corso della riunione che si è svolta lunedì scorso – afferma il sindacato - l'obiettivo finale del commissario Pecoraro è quello di accorpare il servizio di vigilanza attiva e passiva con la gestione dei parcheggi interni e della viabilità in un ulteriore bando da predisporre e col quale Pecoraro ha detto potrebbe dare risposte occupazionali al personale attualmente impegnato nel servizio di vigilanza”.
"Rileviamo una forte contraddizione tra ciò che Pecoraro dice e ciò che invece sta facendo- commenta Silvestro-.
Ci troviamo di fronte all'interruzione del rapporto di lavoro per 30 su 40 lavoratori che per i 4 mesi previsti dall'affidamento di cui chiediamo revoca non percepiranno stipendio e nell'attesa di una non certa riassunzione nel nuovo servizio.
Inoltre, una volta licenziati, per loro non varrà più la norma che tutela il personale quando una impresa subentra ad un'altra nell'appalto di un servizio.
Senza contare che il servizio di sicurezza all'interno del Policlinico si ridimensionerà drasticamente".
Contestualmente la Filcams chiede si predisponga subito - e non tra 4 o più mesi-, il nuovo definitivo bando che accorpa i servizi vigilanza e gestione parcheggi e viabilità.
"Non facciamo fatica a comprendere le esigenze di razionalizzazione dei costi che il commissario dice di voler perseguire ma non ci risulta cha sia stato altrettanto drastico e solerte nei confronti di altre spese la cui effettiva utilità per pazienti e utenti è tutta da dimostrare.
Ci auguriamo pertanto che sospenda subito l'affidamento del 27 e che insieme si possa trovare una soluzione altrettanto efficace ma più riguardosa verso i lavoratori e verso l'utenza".
Le organizzazioni sindacali intanto hanno già chiesto al Prefetto di intervenire in questa vicenda a tutela dei livelli occupazionali e della sicurezza all'interno del [...]

Leggi tutto l'articolo