Politica, opinioni: aggiorniamoci!

Ci sono 5 società che prendono 1 miliardo dalla RAI! 1 miliardo! Fico del M5S, in commissione vigilanza, le ha scoperte.
Ecco chi sono: http://goo.gl/WX4jNI Quando si dice che le istituzioni prendono a cuore la tutela del bene comune:http://www.dalilanesci.it/?p=829 La solita casta e i soliti partiti continuano a tenersi i soldi di noi cittadini tutti:http://www.beppegrillo.it/2013/09/restituite_i_soldi_ai_cittadini.html*****************************************Inesorabilmente la vergogna italiana continua con il perpetuarsi della casta.
“Napolitano nomina Giuliano Amato, ex tesoriere di Craxi e pensionato d’oro, giudice della Corte costituzionale.
Ad insaputa della Costituzione” scrive su Twitte...r Fraccaro, deputato del M5S e segretario di presidenza della Camera.
Stupefatto anche il collega parlamentare Carlo Sibilia: “Non posso credere che il presidente della Repubblica abbia realmente nominato Giuliano Amato giudice della Corte Costituzionale della Repubblica Italiana.
Anche se da un Presidente della Repubblica votato da Pd e Pdl ti aspetti l’impossibile”.
Per Sibilia il nuovo giudice della Consulta “rappresenta degnamente lo schifo, il disgusto, l’indecenza, l’obbrobrio, l’orrore, il ribrezzo perpetrato negli anni dalla Casta politica italiana.
Il ‘Dottor Sottile’, così soprannominato dal suo amichetto Eugenio Scalfari, è quanto di più lontano dal senso di legalità, moralità ed etica che vorremmo vedere oggi nel nostro Paese”.
Sibilia ricorda alcuni di quelli che considera i passi falsi dell’ex presidente del Consiglio: “E’ ex cassiere del Psi degli scandali craxiani (in realtà era il consigliere, ndr) – scrive – Amato è il pensionato d’oro più famoso d’Italia.
Pensione maturata dopo aver combattuto strenuamente contro la svalutazione della lira che ci ha portato a prostrarci alle imposizioni truffaldine di Maastricht.
Amato è quello che dispose per decreto l’11 luglio del 1992 il prelievo forzoso del 6‰ dai conti correnti bancari per un ‘interesse di straordinario rilievo’.
Amato è quello che nell’autunno dello stesso anno varò una manovra finanziaria ‘lacrime e sangue’ da 93.000 miliardi di lire (contenente tagli di spesa e incrementi delle imposte), per frenare l’ascesa del deficit pubblico, e la prima riforma delle pensioni”.
E poi il dubbio: “Spero non sia il definito salvacondotto per il pregiudicato Berlusconi che magari riuscirà a portare alla consulta la questione di costituzionalità della legge Severino e magari, ancora una volta [...]

Leggi tutto l'articolo