Pornography in rassegna a Bari

La pornografia al cinema è il tema di tre diverse riflessioni sull’argomento, nella mini rassegna Pornography, in programma a Bari per tre serate.
Si parte dal maestro Lars Von Trier e si arriva a un’esperienza unica ed esclusiva quale Destricted, film collettivo mai distribuito in Italia.
Si incomincia Lunedì 15 con Nymphomaniac vol.1 e Nymphomaniac vol.2 (nella foto) di Lars Von Trier, il film con il quale il regista ha chiuso la sua trilogia sulla depressione cominciata con Antichrist e Melancholia e ha indagato il tema della sessualità come malattia.
La storia poetica e folle di Joe (Charlotte Gainsbourg), una ninfomane, come lei stessa si autoproclama, raccontata attraverso la sua voce, dalla nascita fino all’età di cinquanta anni.
Una fredda sera d’inverno il vecchio e affascinante scapolo, Seligman (Stellan Skarsgård), trova Joe in un vicolo dopo che è stata picchiata.
La porta a casa dove cura le sue ferite e le chiede di raccontargli la sua storia.
  Anche Lunedì 22 in programma due film: il primo è Lovelace, il biopic di Rob Epstein e Jeffrey Friedman dedicato al fenomeno Linda Lovelace, protagonista di Gola profonda (1972), il primo film hardcore sdoganato dal circuito a luci rosse.
L’attrice divenne una celebrità a livello internazionale, non tanto ragazza di Playboy, quanto accattivante ragazza della porta accanto.
Completamente immersa nella sua nuova identità, Linda divenne un'entusiasta portavoce della libertà sessuale e dell'edonismo senza freni.
Segue la commedia Don Jon di e con Joseph Gordon Levitt, con Scarlett Johansson e Julianne Moore: la storia di un giovane uomo totalmente dipendente dalla pornografia.
Nella vita di Jon detto il Don ci sono le donne, la chiesa, la famiglia, la palestra e il porno.
Donnaiolo impenitente e per filosofia, Jon anche quando fa sesso con una donna non si priva della masturbazione davanti alla pornografia.
  La rassegna si chiude Lunedì 29 con uno speciale appuntamento in esclusiva Nazionale del film Destricted, che raccoglie i cortometraggi di autori del calibro di Marina Abramovic, Matthew Barney, Marco Brambilla, Cecily Brown, Larry Clark, Sante D’Orazio, Marilyn Minter, Gaspar Noé, Richard Prince, Sam Taylor Wood e Tunga, chiamati a cimentarsi con il tema della poronografia, sotto diversi punti di vista: si va dall’analisi delle le usanze sessuali apotropaiche di certe popolazioni balcaniche di Balcan Erotic Epic della Abramovic al montaggio repentino di brevissimi segmenti pornografici sincronizzati a musica percussiva in Sync di Marco [...]

Leggi tutto l'articolo