Post di Notte e nebbia

" La memoria è correzione della vita..
Anche la scrittura serve a correggere la vita: il saggio completa, scrivendola e rileggendola, la sua esistenza, la compone mettendo le cose al loro posto giusto, cui esse appartenevano e che la sua imperizia, allora, non aveva saputo trovare. Ricordare e scrivere significa arginare l'inettitudine, reinventare e risistemare la propria vita caotica e svanita nell'informe, darle un ipotetico senso o almeno comporla nella decenza di un ordine e di uno stile.
L'unica parte importante della vita - dice il saggio - è il raccoglimento.
Egli si augura che la vita venga letteraturizzata - , che ognuno passi il tempo a leggere la vita scritta degli altri o, ancor meglio, la sua propria.
Questa consapevolezza è amara ma è anche consolatrice, è la rivelazione che la vita vera dilegua senza traccia, ma è pur rassicurante scoperta di un riparo che protegge dalle insensate ferite e dagli assurdi colpi che la vita-orrida-vera, come il saggio la definisce, arreca...

Leggi tutto l'articolo