Povertà | Vincenzo de' Paoli

I poveri, che non sanno dove andare, non sanno che cosa fare, soffrono già tanto e vanno crescendo sempre più di numero, sono il mio peso e il mio dolore.
(a Renato Alméras C.M.)
(Regole comuni, art.
7) Testo estrapolato da San Vincenzo de' Paoli, Opere, vol.
X - Conferenze alle Figlie della Carità, n.
76: Conferenza del 20 agosto 1656, pp.
669-681, Ediz.
CLV, Roma 12.
Care sorelle, oggi, con l'aiuto di Dio, spiegheremo la vostra settima regola, ma brevemente, perché non posso trattenermi a lungo.
La regola dice: "Onoreranno la povertà di Nostro Signore, accontentandosi di avere quello che loro occorre nella semplicità ordinaria, ecc.".
La regola dice che le Figlie della Carità non avranno nulla in proprio e che metteranno tutto in comune.
Sorelle, era la pratica dei primi cristiani.
E poiché è più difficile che un ricco entri in paradiso che un canapo passi per la cruna di un ago, chi non eviterà simile pericolo? Se il re dei re, venendo sulla terra, abbracciò la povertà e scagliò mal...

Leggi tutto l'articolo