Pozioni e malefici delle streghe veneziane

Ho già avuto modo di parlare delle streghe veneziane:contrariamente alla tradizione esse non professavano il culto del diavolo, ma lo evocavano quando dovevano mettere in atto le loro pozioni o i malefici e filtri vari, in genere amorosi, ma, che si sappia, nessun maleficio mortale.
Il demonio veniva pagato anche in anticipo per il suo aiuto gettando monete e sale sul fuoco o fuori dalla finestra: la raffigurazione del demonio era rappresentata per loro da quella della carta dei tarocchi.
Il loro luogo di ritrovo era presso il museo ebraico al Lido, poichè era considerato denso di forze occulte.
In genere le streghe appartenevano alla classe sociale più povera, e le ricette ed i segreti venivano tramandati di madre in figlia nella notte di Natale, o in punto di morte, e la stregoneria veniva considerata una vera e propria professione.
Tra le pratiche divinatorie vi era quella del "goto", il bicchiere: veniva riempito un bicchiere con acqua, e qui venivano posti dei fili bianchi e dei fili neri, quindi si scioglieva della cera vergine, e a seconda di come di ponevano i fili quando la cera si risolidificava, dalla forma stessa della cera veniva interpretato il futuro.
Altre pratiche erano quelle di guardare in un bicchiere d'acqua illuminato da una candela, o leggere la mano, o contare gli anelli della catena del camino.
C'era la pratica per conoscere se l'uomo amato fosse fedele, o se fosse possibile per una donna farlo innamorare di sè; era la magia del "buttar le fave": Si usavano nove fave, e su due di esse venivano segnati il maschio e la femmina, vernivano mescolate tutte insieme mentre la strega di turno recitava prima l'Ave Maria,poi  un Pater noster, segnandole con una croce: Venivano fatte cadere assieme a della cera, della calcina, del carbone, e da come cadevano si poteva ottenere il responso richiesto.
Per pratiche di  tipo "medico" (per procurare un aborto o per far venire le mestruazioni) venivano utilizzate pozioni a base di erbe velenose come l'erba sabina , che proveniva dal Cadore o dal Cansiglio, e il prezzemolo.
Data la particolarità della stregoneria veneziana, ed il particolare distacco che aveva la Serenissima dalla chiesa le malcapitate che vennero poste all'attenzione dell'Inquisizione non subirono nè torture nè tanto meno roghi: venivano tutt'al più messe alla berlina per qualche giorno, o al dover assistere alla Messa con una candela in mano: il bando dalla città per sei mesi o la fustigazione pubblica furono eventi rarissimi.
Nel 1500 vennero svolti circa 1600 processi per "strigaria [...]

Leggi tutto l'articolo