Prato. Verso Palazzo Pretorio

  Prato 2013: verso la riapertura di Palazzo Pretorio è il titolo dell'iniziativa organizzata dal Comune, martedì 22 gennaio, alle 18, nel salone del primo piano del Pretorio, per illustrare alla città le tappe di avvicinamento al nuovo Museo, in particolare le due grandi mostre in programma quest'anno: L'arte di gesso: la donazione Jacques Lipchitz a Prato, prevista dal 22 marzo al 26 maggio, e soprattutto Da Donatello a Lippi.
Officina pratese, in calendario dal 14 settembre al 13 gennaio 2014.
E' un modo di rendere partecipi tutti i pratesi rispetto a una grande opportunità, non solo dal punto di vista culturale e turistico: riaprire il museo, chiuso da quasi vent'anni, è anche un'occasione di speranza per la città, con tante potenzialità anche dal punto di vista economico.
In questi giorni via mail sono partiti gli inviti alle associazioni culturali, alle scuole, al mondo delle imprese, degli operatori turistici e del commercio, ma chiunque sia interessato a conoscere più nei dettagli il contenuto delle mostre e il percorso che, nella primavera del 2014, porterà alla riapertura del museo con il nuovo allestimento, potrà partecipare: l'appuntamento di martedì 22 è pensato per la città.
A raccontare il programma delle iniziative, ci saranno il sindaco con gli assessori comunali alla cultura e allo sviluppo economico, l'assessore regionale alla cultura e al turismo e don Renzo Fantappiè, esperto di storia e arte, in rappresentanza della Fondazione Cassa di Risparmio, che assieme al Comune ha finanziato la mostra dedicata al Rinascimento pratese.
Gli interventi principali saranno naturalmente quelli dei curatori: Kosme de Barañano, tra i massimi studiosi di Lipchitz, per L'arte di gesso; Andrea De Marchi, docente di storia dell'arte all'università di Firenze e Cristina Gnoni, funzionaria per Prato della Soprintendenza, per Da Donatello a Lippi.
Officina pratese.
Questa mostra sarà uno dei maggiori eventi espositivi italiani del 2013 e farà rivivere la fucina artistica che, nel Quattrocento, si sviluppò intorno alla fabbrica del Duomo.
Torneranno, per la prima volta a Prato, capolavori che qui hanno preso vita e che ora sono patrimonio di musei di mezzo mondo.
Info: palazzopretorio.prato.it   pratoblog

Leggi tutto l'articolo