Prefazione

PrefazioneAl primo mio libro di poesia stampato dalla Casa Editrice "La diffusione", di Roma nel 1918.Tante vorte, se sa, quarche sonettoo quarche poesia sarà sbajata,se potrà dì: nun è ben'azzeccata,ce se potrà trovà quarche difettose potrà dì che manca dell'effetto ...ma siccome io l'ho scritta e l'ho pensatacoll'anima mia stessa innamorataio l'amo tutto co' lo stesso affetto.Come la madre che abbenché j'è natoun fijo bello meio de n'amoree n'antro brutto, storto ...
deformatosente nell'infinita bontà sualo stesso affetto vivo dentro ar coree vo lo steso bene a tutt'e dua.Checco DuranteI miei ricordi - Le mie poesie, pag.
111.

Leggi tutto l'articolo