Preti «soffrite come i genitori per i figli»​​​«Lo stile cristiano prende la Croce con Gesù e va avanti»

MIA RIPRODUZIONE CROCE DEL SANTO PADRE: IL BUON PASTORE Incontro Preti «soffrite come i genitori per i figli»​​​ Foto Ap Papa Francesco ha incontrato stamani i suoi sacerdoti, quelli di Roma nell’Aula Paolo VI in Vaticano.
«Quando insieme al Cardinale Vicario abbiamo pensato a questo incontro – ha detto Francesco - gli ho detto che avrei potuto fare per voi una meditazione sul tema della misericordia.
All’inizio della Quaresima riflettere insieme, come preti, sulla misericordia ci fa bene (...) Il brano del Vangelo di Matteo che abbiamo ascoltato ci fa rivolgere lo sguardo a Gesù che cammina per le città e i villaggi ( ...) soprattutto ci invita a cogliere la profondità del suo cuore, ciò che Lui prova per le folle, per la gente che incontra: quell’atteggiamento interiore di "compassione" (...) perché vede le persone "stanche e sfinite, come pecore senza pastore" (...).
Un po’ come tante persone che voi incontrate oggi per le strade dei vostri quartieri… Poi l’orizzonte si allarga, e vediamo che queste città e questi villaggi sono non solo Roma e l’Italia, ma sono il mondo… e quelle folle sfinite sono popolazioni di tanti Paesi che stanno soffrendo situazioni ancora più difficili….Allora comprendiamo che noi non siamo qui per fare un bell’esercizio spirituale all’inizio della Quaresima, ma per ascoltare la voce dello Spirito che parla a tutta la Chiesa in questo nostro tempo, che è proprio il tempo della misericordia.
Di questo sono sicuro ...».
Francesco ha puntato sulla misericordia.
«Nella Chiesa tutta – ha detto Papa Francesco - è il tempo della misericordia.
Questa è stata un’intuizione del beato Giovanni Paolo II: (...) è il tempo della misericordia».
«Oggi – ha sottolineato - dimentichiamo tutto troppo in fretta, anche il Magistero della Chiesa! In parte è inevitabile, ma i grandi contenuti, le grandi intuizioni e le consegne lasciate al Popolo di Dio non possiamo dimenticarle.
E quella della divina misericordia è una di queste.
E’ una consegna che lui ci ha dato, ma che viene dall’alto.
Sta a noi, come ministri della Chiesa, tenere vivo questo messaggio soprattutto nella predicazione e nei gesti, nei segni, nelle scelte pastorali, ad esempio la scelta di restituire priorità al sacramento della Riconciliazione, e al tempo stesso alle opere di misericordia.
Riconciliare, fare pace col Sacramento, anche con le parole e anche le opere di misericordia».
E poi rivolge una domanda ai presenti: «Che cosa significa misericordia per i preti? E mi viene in [...]

Leggi tutto l'articolo