Prima Messa di Papa Francesco, l'invasione di pellegrini e potenti della Terra

Intronizzazione che da' l'inizio ufficiale al pontificato di papa bergoglio.
Martedì attesi a Roma un milione di persone e 132 delegazioni.
Lunedì l'incontro con la presidente Kirchner.// // ROMA - «Non ero mai stata baciata da un pontefice prima di adesso».
Così Cristina Fernandez Kirchner si è rivolta al Papa connazionale durante l'incontro di lunedì mattina in Vaticano, il primo del nuovo Pontefice con un capo di Stato.
Il capo della Casa Rosada ha consegnato a Papa Bergoglio un regalo: un kit per bollire e consumare il mate, la tipica bevanda argentina simile al the.
La presidente argentina ha chiesto a Papa Francesco anche di «intercedere tra Argentina e Gran Bretagna per agevolare il dialogo sulle Falkland».
Nella conferenza stampa subito dopo l'incontro, la Kirchner ha anche raccontato: «Ho trovato il Papa sereno, sicuro e in pace, ma anche occupato e preoccupato per l'immenso compito per la guida per la S.
Sede e per cambiare le cose che lui sa che deve cambiare».LA MESSA DI MARTEDI' - La Kirchner parteciperà martedì mattina alla Messa di insediamento di Papa Francesco: un evento cui è atteso un milione di fedeli.
Ai pellegrini provenienti da ogni parte del mondo si sommano le 132 delegazioni straniere accreditate per assistere alla manifestazione.
Trenitalia fa sapere che cresce di circa il 40%, rispetto alle medie del periodo, il numero di viaggiatori in arrivo a Roma sui propri treni.
E il Campidoglio ha preparato un piano straordinario per accogliere le migliaia di pellegrini.
Ci sarà una zona rossa intorno alla Città del Vaticano, ma anche tutto il resto del centro di Roma sarà interessato dall'evento, con chiusure al traffico e metropolitana gratis.L'INTRONIZZAZIONE - Tutto è pronto, dunque per la Messa inaugurale che inizierà alle 9.30.
Saranno circa 180 i concelebranti.
«Concelebreranno tutti i cardinali presenti a Roma, elettori e non», dice padre Federico Lombardi, direttore della sala stampa vaticana.
Tra loro anche i patriarchi, gli arcivescovi maggiori non cardinali, i generali degli ordini religiosi, quello dei gesuiti e quello dei francescani.
Sul sagrato di San Pietro la disposizione sarà la seguente: «Sulla sinistra ci saranno le personalità ecclesiastiche, arcivescovi e vescovi, e gli esponenti delle altre comunità cristiane; sulla destra, le delegazioni delle autorità straniere; vicino alla statua di San Pietro a sinistra, i rappresentanti delle altre religioni e 1200 sacerdoti e seminaristi; il resto dei posti è libero».ANELLO DEL PESCATORE - Ma visti i fuori programma [...]

Leggi tutto l'articolo