Prima neve a Cortina, allerta e scuole chiuse in Sardegna

Prima nevicata a Cortina.
Risveglio sotto una coltre di neve per la città ampezzana, complice il brusco abbassamento delle temperature.
E le previsioni meteo danno ulteriori nevicate per il pomeriggio.
Debole nevicata in Valle d’Aosta anche in bassa quota: qualche fiocco è caduto oggi anche nel capoluogo.
A 2.000 metri di quota i quantitativi massimi attesi sono di 5-10 centimetri, soprattutto nella zona della bassa Valle e al confine con la Svizzera.
Per le prossime ore è previsto un miglioramento.
Nuova allerta meteo in Sardegna.
Con l’ultimo bollettino diramato dalla protezione civile regionale il livello di criticità passa da ordinario (giallo) a moderato (arancione) dal sud al nord dell’Isola.
Il rischio idrogeologico, dovuto a precipitazioni anche a carattere temporalesco, partirà dalle prime ore di lunedì 19 (a cominciare dalle 3 del mattino) e durerà fino alla mezzanotte dello stesso giorno.
In particolare le zone interessate da questa nuova allerta sono l’Iglesiente, il Campidano, Montevecchio-Pischilappiu, il Tirso, la Gallura e il Logudoro.
Contestualmente viene prorogata l’allerta gialla, sempre sino alla mezzanotte di lunedì, nel territorio del Flumendosa-Flumineddu, nella Sardegna sud orientale.
Le scuole di ogni ordine e grado rimangono chiuse a Sassari e Alghero.
Le ordinanze sono state firmate dai sindaci Nicola Sanna e Mario Bruno in concomitanza dell’avviso di condizioni meteorologiche avverse con codice arancione diramato dal Centro funzionale decentrato della Protezione civile della Regione Sardegna.
A Cagliari, invece, il Comune chiede di “prestare la massima attenzione nella esposizione dei contenitori destinati alla raccolta dei rifiuti”.
Intanto il Centro Previsioni e Segnalazioni Maree del Comune di Venezia prevede per martedì 20 novembre alle ore 8.45, una punta massima di marea di 125cm a Venezia, con la possibilità di circa 10 cm in più a Chioggia a causa del forte vento di Bora.
L’aria fredda che da sabato interessa il nord Italia – come afferma il Centro Meteo dell’Arpa Veneto- “solo lunedì arrivando su Germania e Francia si approfondirà e sarà accompagnata da un calo della pressione anche al suolo”.
Si prevede che questa perturbazione possa indurre venti di scirocco nel medio e basso Adriatico lasciando venti intensi di Bora nella parte nord e a Venezia.
La concomitanza di questi due elementi storicamente viene detto “scontraura”.
Il Centro Maree ricorda che un’alta marea di 125cm comporta l’allagamento di circa il 37% della [...]