Primavera d'amore

Primavera d'amore Ritorna Aprile carico de fiòri Pe' dicce ch'è vienuta Primavera, E er sole bello, co' li su' sprennori Fa parpità' d'amore celo e tera.
E tu, Ninè', che tenghi 'na raggiera De rìcci bionni e l'occhi incantatori, Sei er sole mio che sperdi li dolori Drento a' st'anima mia che adesso spera.
Mò torneno a spunta' li fiori belli, E ar core mio, compagno a un giardinetto, Rinàscheno canzone e aritornelli.
E io li canto a te, fior d'ogni fiore, Bocca de rose e mèle, a te, angeletto, A te che imperi su' sto pòro core.
Antonio Camilli Tratto da: Poesie Romanesche, Roma, Tipografia Industria e Lavoro, 1906, pag.
56

Leggi tutto l'articolo