Primo colpo di mercato: Barry al Man City. Cinque tifosi dei Rangers saranno processati per Manchester 2008. Irlanda del Nord a Pisa: tensione intorno al match.

VENDITA LIBRO "LADS 2009" GRAZIE ALL' OTTIMO SUCCESSO RISCOSSO IL VOLUME E' DA OGGI ANCHE UN TITOLO DI WWW.AMAZON.COM ( $ 40,89 ), UNA DELLE MAGGIORI BIBLIOTECHE ON LINE AL MONDO  MOLTO NOTA ANCHE NEL REGNO UNITO.
E' POSSIBILE CONTINUARE AD ACQUISTARE IL LIBRO AD EURO 25+ SPESE POSTALI SUL SITO WWW.LULU.COM, SU E-BAY O SCRIVENDO A: italianlads@gmail.com   Cinque tifosi dei Glasgow Rangers compariranno davanti alla corte il prossimo 10 agosto in relazione alle violenze commesse a Manchester in occasione della finale di Coppa Uefa dello scorso anno disputata contro lo Zenit di San Pietroburgo.
Nella città inglese giunsero circa 150mila tifosi dei "Blues" che accoltellarono un tifoso russo, compirono diversi danneggiamenti nelle vie del centro e misero, in alcuni frangenti, la polizia in disordinata fuga, con il conseguente ferimento di alcuni agenti.
La "Greater Manchester Police" pubblicò nei mesi scorsi 49 fotografie di presunti responsabili.
Intanto Pisa, ancora rattristata per la recente retrocessione della squadra locale nella terza serie, attende l'arrivo dei fans dell' Irlanda del Nord.
Dopo gli arresti di diversi ultras locali, in merito ai disordini seguiti al fischio finale, la Curva Nord nerazzura ha espresso dissenso per la disputa del match all' "Arena Garibaldi", sede confermata dopo un comitato per l' ordine pubblico che ha preannunciato una forte militarizzazione dell' impianto e delle aree adiacenti.
I supporters della nazionale dell' Ulster ( foto ) si sono recentemente resi protagonisti di un assalto ai tifosi polacchi culminato nel lancio di bottiglie incendiarie contro la polizia che proteggeva l' ingresso del settore ospiti di "Windsor Park" a Belfast; i fatti costituirono, ad onore del vero, la reazione a risse e danneggiamenti che hooligans polacchi provocarono nel centro della capitale nordirlandese.
Le tifoserie del Linfield,del Glentoran, del Cliftonville e del Portadown sono, comunque, piuttosto vivaci ed hanno dato vita a diversi scontri, tanto da fare sì che la Repubblica del Nord Irlanda fosse definita, con timore, dalle autorità locali ,come possibile "paradiso per gli hooligans", in quanto priva di una vera e propria legislazione "ad hoc".
Gli investigatori, visto l'esponenziale aumento degli scontri a margine delle partite di calcio nelle "Sei Contee" della Repubblica sospettano che le milizie paramilitari stiano individuando nelle partite di football nuovi terreni di confronto.Solo una decina di giorni fa una persona che indossava la maglietta dei Glasgow Celtic è stato assassinata [...]

Leggi tutto l'articolo