Prof dà una nota al bimbo disabile: la risposta della mamma è epica

La protagonista di questa vicenda è la mamma di Adriano, un bimbo di 13 anni affetto da un grave ritardo cognitivo dovuto a una bronchiolite contratta all’età di un mese che gli ha provocato una lesione cerebrale che gli impedisce di parlare e di scrivere.
Quando la 49enne ha letto quella nota di demerito sul diario del bambino, che frequenta una scuola media di Roma, non poteva credere ai suoi occhi.
“Oggi Adriano si è comportato male in classe… Anche se richiamato più volte ha continuato a fare dei piccoli rutti, disturbando la lezione” si legge sul diario di Adriano.
L’autrice? Quella che avrebbe dovuto essere la professoressa di sostegno del piccolo.
“Adriano reagisce così quando non è interessato a ciò che gli sta intorno – ha spiegato la donna all’HuffPost – È il suo modo per comunicare che qualcosa non va… Appena ho letto la nota mi sono messa a ridere, poi però ho riflettuto.
È un episodio emblematico di quello che spesso succede a scuola con ragazzi come Adriano.
Nelle aule servono persone specializzate, capaci di andare incontro ai bisogni specifici degli studenti con disabilità più o meno gravi… Più si va avanti e più è difficile gestire questi ragazzi quando diventano adolescenti.
E intanto si perde tempo prezioso.
Se non vengono seguiti fin da piccoli poi peseranno ancora di più sul sistema sociale”.
La risposta della mamma di Adriano alla professoressa ha fatto il giro del web: “Ho sgridato Adriano per il suo comportamento.
La nota positiva è che i rutti erano piccoli perché a casa li fa grandi”.

Leggi tutto l'articolo