Progetto (C)ave Canem,adotta i cani di Pompei!

Iucunda, Claudius, Giulia e Sallustio sono alcuni dei cani protagonisti del progetto (C)Ave Canem, avviato con successo sette mesi fa per il censimento, la cura e per favorire l’adozione dei randagi presenti nell’Area Archeologica di Pompei (Napoli), su iniziativa del Commissario Delegato dell’Area Archeologica, Marcello Fiori, e di LAV, Enpa e Lega nazionale difesa del cane.
La LAV invita coloro che sono alla ricerca di un cane da adottare, a candidarsi per accogliere i cani del progetto (C)Ave Canem ancora in cerca di famiglia: visitando l’area archeologica di Pompei oppure navigando sul sito internet www.icanidipompei.it è possibile conoscere Iucunda, Claudius, Giulia, Sallustio e altri dolcissimi quattrozampe in attesa di una casa.
Nei mesi trascorsi, grazie al progetto (C)Ave Canem, sono stati sterilizzati, vaccinati e iscritti all'anagrafe canina alcune decine di cani, 14 dei quali felicemente adottati.
Cinque cani sono stati sottoposti a terapie senza le quali la loro sopravvivenza nel lungo periodo sarebbe stata seriamente a rischio, e almeno quattro cani hanno ricevuto cure di pronto intervento, necessarie a salvargli la vita.
Preziosa la collaborazione offerta dal medico veterinario dott.
Scarcella (consulente della LAV per il progetto) e dalla Asl veterinaria della città.
I cani censiti sono stati dotati di collare, di medaglietta di riconoscimento e di microchip.
Per loro, inoltre, sono state predisposte cucce attrezzate e sono accuditi quotidianamente da attivisti LAV presenti sul posto per tutta la durata del progetto.
Questi cani e questa iniziativa sono un importante esempio di come sia possibile ottimizzare la convivenza con gli animali, anche in un’area molto frequentata dai turisti, tutelando la salute e il benessere dei randagi.
Per candidarsi ad adottare questi cani presenti nell’area archeologica di Pompei basta compilare il modello di domanda disponibile su www.icanidipompei.it e un semplice questionario, da inviare all’indirizzo e.mail adozioni@icanidipompei.it oppure all’indirizzo postale indicato nel modello di domanda o da consegnare ai volontari del progetto (C)Ave Canem, presenti presso l’area archeologica.
Per maggiori informazioni è attivo il numero 329 0398525.
http://www.icanidipompei.it/italiano/i_cani_di_pompei.html

Leggi tutto l'articolo