Proteste contro vignetta Charlie Hebdo

Un'immagine che ha sollevato un'ondata di critiche Cosa sarebbe diventato il piccolo Aylan se fosse diventato grande? un palpeggiatore di sederi in Germania".
E' questa la didascalia che accompagna la vignetta pubblicata sull'ultimo numero di Charlie Hebdo in cui si vedono degli uomini con i caratteri somatici nord africani correre dietro a delle donne.
Un'immagine che ha sollevato un'ondata di critiche, anche su twitter.
Il settimanale satirico, con la sua consueta irriverenza , in questo disegno fa riferimento al piccolo Aylan, il bimbo siriano la cui foto del suo corpicino senza vita ritrovato questa estate su una spiaggia della Turchia fece il giro del mondo diventando il simbolo della fuga disperata dai teatri di guerra mediorientali, e l'ultimo episodio delle centinaia di donne molestate e derubate la notte di capodanno a Colonia da bande organizzate di migranti "adulti" prevalentemente di origine maghrebina............
No! Non mi piace non e' satira!!....
utilizzare la morte di un bambino per fare del macabro clamore è nientemeno che sciacallaggio a mio parere, quasi una teatralizzazione grottesca della morte di un innocente.
Non sono (almeno non sempre) gli argomenti che si contestano alla redazione di Charlie Hebdo, è il modo in cui li fa pervenire al pubblico che spesso e volentieri è sbagliato.

Leggi tutto l'articolo