Prova d'orchestra per mille piccoli artisti

Prova d´orchestra per mille piccoli e grandiosi artisti di Brunella Torresin, "la Repubblica" 23 ottobre 2008BOLOGNA, PalaDozza, 25 ottobre ore 18.00 RadioTre ore 18.00 in FM 99.400 Si fa presto a dire mille.
Mille esecutori.
Non suonano in un teatro ma al PalaDozza: la favola di Pierino e il lupo di Prokof´ev, corpo e voce narranti di Roberto Benigni, e l´imponente preghiera del Te Deum di Berlioz, che tante voci e tanti strumenti coinvolge, verranno eseguiti in un palazzetto dello sport che non ha palcoscenico, né camerini, né quinte.
Il concerto si esegue davanti al pubblico di 4.400 persone sabato alle 18, ma ieri qui, al palasport, sono iniziate le prove, e proseguono ogni giorno, per insieme o per parti.
Il concerto è tutto esaurito: i biglietti sono andati bruciati il primo giorno in cui sono stati messi in vendita.
Claudio Abbado ha aperto la prova generale di domani, anch´essa esaurita, alle associazioni del terzo settore, alle famiglie dei piccoli cantanti, alle scuole convenzionate con l´Orchestra Mozart e l´Accademia Filarmonica.
Il compito di coordinare i movimenti di tutti e il diverso lavoro di ciascuno, è stato affidato a Stefano Campolmi, direttore di produzione della Fondazione Teatro del Maggio Musicale Fiorentino.
Campolmi in passato ha partecipato a messinscene colossali come l´allestimento nei giardini di Boboli della Fairy Queen di Purcell (1987), con la regia di Luca Ronconi e la direzione musicale di Roger Norrington, ma l´impresa che lo impegna in questi giorni (e nei mesi scorsi), ammette lui stesso, «è impressionante».
Dei 930 esecutori chiamati a raccolta da Claudio Abbado in un´impresa che ha davvero molto di epico, più di 600 sono voci bianche: bambini, ragazzi, che vanno accompagnati.
Compongono il «Grande coro di voci bianche Un coro in ogni scuola», ma provengono - gruppo per gruppo, scuola per scuola - da diverse città della regione, selezionati attraverso un concorso: da Bobbio, dalla provincia modenese, da Ravenna, da Riccione, da Parma, da Sant´Ilario d´Enza e da Cesena, da Pontelangorino e da Ferrara.
In questi giorni fanno i pendolari dalle rispettive città, e per spostarli sono necessari 12 pullman.
Per tutti loro, spiega Stefano Campolmi, sono stati suggeriti e poi realizzati «percorsi di sicurezza» di accesso al palasport e, d´intesa con la Conferenza Servizi e l´Ufficio di Gabinetto del Sindaco, luoghi di sosta per i diversi automezzi.
Vi sono anche due cori di Bologna, naturalmente: sono i sessanta bambini del Coro di Voci Bianche del Teatro Comunale e [...]

Leggi tutto l'articolo