Puglia - Maxi lavoro per la GdF

7/7/2007 Puglia - Maxi lavoro per la GdF Scoperta a Foggia una grossa truffa ai danni dell'Inps: 82 le persone denunciate dalle Fiamme Gialle.
A Bari, invece, scoperte 30 società di vigilanza privata del tutto sconosciute al fisco TRUFFA ALL'INPS: 82 DENUNCE DELLA GDF A FOGGIA Sono 82 le persone denunciate dagli uomini della Guardia di Finanza di San Severo con l’accusa di truffa ai danni dell’Inps.
Gli uomini delle fiamme gialle hanno scoperto, dunque, l’ennesimo raggiro messo a segno ai danni dell’ente previdenziale realizzato attraverso la fittizia disponibilità di terreni e la falsa assunzione di numerosi braccianti agricoli.
In particolare, 80 lavoratori della terra che erano stati falsamente assunti da un’azienda agricola di San Severo, i cui titolari, anch’essi finiti nel registro degli indagati, in cambio di denaro presentavano all’Inps di Foggia la documentazione necessaria per accertare le assunzioni.
Ingente l’ammontare della truffa ai danni dell’Inps anche se è ancora in via di quantificazione.
30 SOCIETA' VIGILANZA BARESI SCONOSCIUTE A FISCO I militari della Guardia di Finanza del Comando provinciale di Bari hanno scoperto gravi irregolarità fiscali nell'ambito di ispezioni in numerosi istituti di vigilanza privata della provincia.
In particolare, trenta società del settore non avrebbero mai presentato al fisco alcuna dichiarazione dei redditi per l’attività esercitata, e molte di esse operavano in totale assenza delle autorizzazioni di Pubblica Sicurezza.
I controlli hanno portato anche alla constatazione di numerose violazioni ai fini delle imposte dirette, dell’Iva e dell’Irap.
Le indagini delle fiamme gialle, avviate lo scorso gennaio, hanno riguardato i 70 istituti censiti tra Bari e provincia.
Trenta società sono risultate così «evasori totali», (13 Bari, 6 Barletta, 5 Altamura, 4 Bitonto, 2 Putignano) e 6 erano prive dell’autorizzazione prefettizia (1 a Trani, 1 ad Altamura, 3 a Bitonto, 1 a Putignano), prevista dall’art.
134 del Tulps (testo unico delle leggi di pubblica sicurezza).
A carico di un istituto di vigilanza di Gioia del Colle (Bari), è stato riscontrato l’omesso versamento di contributi previdenziali-assistenziali per circa 60mila euro, di 49mila euro di Iva e di Irap per circa 9mila euro.

Leggi tutto l'articolo