QUANDO SI DICE LE NUVOLE........

Inutile...
quando hai sopra la capoccia dei nuvoloni neri, l'acquazzone te lo becchi tutto.
E se non bastasse un semplice acquazzone, può riversarsi su di te un uragano di immane potenza.
Poi la tempesta, prima o poi finisce, e ne esci come se avessi in prima persona combattuto contro tutti i demoni dell'inferno.
E ti ci vuole un po' per rimetterti in sesto.
Stavolta la tempesta era sulla mia strada giovedì mattina, quando con mio figlio sono andata a casa dei miei con un bidone aspira liquidi per prosciugare la cantina da tre dita d'acqua.
Ottima cosa, no? Ma cosa vi avevo detto? Che forse mia mamma non mi avrebbe nemmeno fatto entrare.
Invece lo ha fatto.
Ma sarebbe stato molto meglio di no Da sempre, ormai, ogni volta che vado dai miei, litigano.
Anzi: lei litiga e fa scenate.
Il mio ricordo più nitido da bambina, è di lei che grida e spacca i piatti o lancia padelle.
Tant'è che ora, dai miei ci passo il minimo indispensabile, una volta in meno, piuttosto che una in più.
Ma stavolta ha saputo dare il peggio di sè.
Praticamente abbiamo passato tre ore tra le scale e la porta della cantina, con lei che inveiva contro di me e contro mio babbo.
Il tutto perché mi ero portata dietro mio figlio per fare avanti e indietro con i secchi da svuotare...
ha incominciato a dire che ero matta a volergli far fare una fatica simile.
Da lì si sono aperte le cateratte del cielo!!! È andata a ritroso nel tempo, con una memoria elefantiaca...
se non fosse che molte cose non sono accadute come le urlava e frutto della sua mente vaneggiante.
Ha tirato fuori episodi da rinfacciare a mio babbo risalenti a 60 anni fa....
Gli ha rinfacciato di averlo tolto dalla miseria (mia mamma non ha mai lavorato)....
Lo ha accusato di essere diventato rimbambito perché non ricorda quasi più niente....
Gliene ha dette di tutti i colori....
E lui che la accarezzava, la abbracciava, le diceva di calmarsi e che le voleva bene....
Poi è passata a me...
Mi ha ricordato che da bambina ero chiusa e timida, che non sapevo farmi avanti, che già da piccola non valevo niente....
Mi ha detto che le ho causato una delusione insormontabile quando avevo deciso di non frequentare l'università...
E del crepacuore che le avevo fatto passare quando mi ero fidanzata con un siciliano o con l'attuale consorte, già separato...
Oltre a darmi della poco seria perché, sin da quando ero ragazzina, ho frequentato due amiche che a tutt'oggi non si sono mai sposate e che quindi avranno passato la vita andando a uomini (come ovviamente secondo lei, anche la madre di una di [...]

Leggi tutto l'articolo