QUARTI DI FINALE - OLANDA 2 - BRASILE 1

Finalmente partono i quarti di finale, e che quarti di finale.
Olanda - Brasile potrebbe essere tranquillamente una finale.
Non mi aspetto una partita spettacolare fino al primo gol; spero però che alla fine a vincere siano i tulipani.
Arbitra un giapponese, bruttissimo segno: in Giappone il Brasile E' il calcio, e il nazionale Tanaka è mezzo giapponese.
Voglio subito mettere dei sospetti, vedremo quanto giustificati.
E infatti: Dani Alves picchia Robben e Robinho urla in muso a Van Bommel, impuniti.
Ok: Arbitro di merda, Olanda vittima predestinata e partita comprata pure questa, come già troppe in questo mondiale finora.
Potrei anche fare a meno di continuare a guardare tanto so già l'esito dell'incontro: Brasile per forza vincitore.
8° minuto e gol annullato al Brasile per netto fuorigioco, anche se quel demente invasato di Robinho protesta per il cazzo.
Ma due minuti più tardi il Brasile è già in vantaggio: gran palla in verticale di Melo, difesa arancione larga e con Ojier che scazza il fuorigioco, Robinho in corsa di destro beffa Stekelenburg.
1-0 Brasile e tutti a casa, dato che l'Olanda non segnerà mai due gol (oltre al fatto che finora la squadra che per prima è andata in vantaggio non ha mai perso).
Prima ammonizione per Heitinga che rischia un po' su Fabiano: nella corsa allarga la gamba e fa cadere il brasiliano che si rotola come se gli avesse sparato un cecchino.
Giallo sacrosanto.
Dall'altra parte Bastos azzoppa ancora una volta Robben e l'arbitro non lo ammonisce.
E andiamo avanti così, copione già scritto.
Un minuto dopo Robinho gli urla qualcosa in faccia - all'arbitro - con uno sguardo da invasato peggio di quello di Maradona 94 e ancora nulla.
Niente, questo mondiale lo deve PER FORZA vincere il Brasile, pochi cazzi.
Al 25°, dopo una lunga azione post calcio d'angolo, Dani Alves la scaraventa in mezzo ma a raccoglierla c'è Juan che di destro da ottima posizione la spara altissima, mangiandosi il raddoppio.
Al 30° Robinho si trasforma in alieno facendo numeri su numeri sulla fascia - anche se temo che sia pieno di coca fin su per il buco del culo - palla in mezzo che arriva a Kakà che prende la mira  espara, ma Martin Stekelenburg si prodiga in una strepitosa parata volando alla sua sinistra e deviando il siluro di Kakà diretto all'angolino.
Grandissima azione.
Al 37° finalmente ammonito Bastos dopo il quarto fallo da dietro su Robben, era ora.
Partita francamente deludente sul piano dello spettacolo, ma c'era da aspettarselo.
Come c'è da aspettarsi che Luis Fabiano si butti sempre ad [...]

Leggi tutto l'articolo