Qual'è la tua aula, Carletto? Uffa papà, terzo olmo a sinistra... non te lo ricordi mai!

In 500 anni di pace gli Svizzeri hanno saputo solo inventare l'orologio a cucù, afferma Orson Welles ne Il terzo uomo; il fatto che quel film di spionaggio di svolgesse nell'Austria dell'immediato dopoguerra, ci fa inoltre venire in mente un vecchio detto austriaco: Berna è grande il doppio del cimitero di Vienna, ma ci si diverte solo la metà.
Sarà...Intanto dal settimanale Internazionale apprendiamo che a Langnau am Albis, comune del Canton Zurigo, 6.780 abitanti lungo la sponda dello Zürichsee a una decina di chilometri a Sud-Ovest del capoluogo, i bambini delle elementari vanno a scuola nel bel mezzo al bosco, che vi sia il sole, piova o nevichi.
Lo racconta il breve documentario School’s out: lessons from a forest kindergarten di Lisa Molomot e Rona Richteron che proponiamo (cliccare sul testo sottolineato), dove si vedono i bambini che si rotolano nella neve, imparano ad accendere il fuoco, a vivere il contatto con la natura e gli animali.
L’idea della scuola, a partire da quella materna, nel bosco è nata negli anni ’50 in Danimarca e poi si è estesa nel resto d’Europa, in particolare in Germania.
Lo confessiamo: ci  era venuta la tentazione di commentare pubblicando la foto di uno degli innumerevoli ingorghi stradali mattutini che affliggono le vie davanti alle nostre scuole, ma preferiamo dare Energia all'immagine ideale di bambini che, in un ecovillaggio in cohousing, se ne vanno a giocare alla scuola nel bosco.

Leggi tutto l'articolo