Quando Francesco Laudadio lascia Bari per Roma ed entra nel Mondo del Cinema. È il 1975

Il momento in cui Francesco Laudadio lascia la città di Bari, dove è leader del movimento studentesco “di massa” e poi funzionario del Pci, e va a Roma, chiamato da Mario Monicelli per iniziare una vita nuova nel Mondo del Cinema è stato ricordato Oggi a tredici anni dalla sua prematura scomparsa (1950-2005) ed a mezzo secolo esatto dal '68.Sin da giovanissimo si sente parte integrante di una comunità.
Studia e parla la lingua inglese.
A dodici anni entra nella Federazione Giovanile, che è a due passi da casa, in via Trevisani.
Legge L'Unità ma anche gli altri giornali e soprattutto libri.
Frequenta il piccolo Cinema Enel di via Napoli.
I suoi riferimenti sono il Segretario regionale Alfredo Reichlin (già direttore proprio de L'Unità) e il segretario provinciale Tommaso Sicolo, mentre a capo del Partito c'è Enrico Berlinguer.Poi nel 1975 dà un taglio netto al lavoro politico, con base a Gioia del Colle, proprio nel momento della grande avanzata del Partito Comunista.
Ma avviene anc...

Leggi tutto l'articolo