Quel che Ichino finge di non sap

Quel che Ichino finge di non sapere
 
Nel suo articolo, pubblicato sul Corriere della Sera del 2 febbraio 2006, Pietro lchino ha presentato una tesi polemica, semplice, ma insidiosa: l'Unione critica la legge (strumentalmente definita) «Biagi» (che più correttamente chiameremo «Maroni») la quale avrebbe cambiato poco o nulla in materia di precarietà e mercato del lavoro, per nascondere un vuoto di idee su quegli stessi temi. E' vero l'esatto contrario, e non si può concedere all'Autore neanche l'attenuante dell'insufficiente informazione. Si tratta, infatti, di un giurista specializzato, ben addentro al dibattito di politica del diritto. La risposta non può che essere precisa. Innanzitutto, se avesse potuto, il governo di centrodestra più che cambiare qualche virgola allo Statuto dei lavoratori, lo avrebbe distrutto o svuotato, abrogando l'art. 18, ossia la garanzia fondamentale che regge tutte le altre. Altresì ha tentato di introdurre l'arbitrato di equità che avrebbe di fatto impedi...

Leggi tutto l'articolo