Quello africano spaventa

Non c'è che dire: sono giornate, queste torinesi, dove il caldo la sta facendo da padrone.Ieri rientrando a torino in treno mi sono subito accorto del muro di umidità che mi ha abbracciato non appena messo piede in stazione.
Certo in liguria faceva caldo, infatti credo di non aver mai messo tanta crema protettiva come in quei giorni, ma almeno la sera si respirava.Già la Liguria: la scelta di raggiungerla in treno non è stata felicissima.
All'andata pioveva nel vagone dove ero seduto per via dell'aria condizionata troppo forte e guasta.
Al ritorno invece ho dovuto fare i conti con lo sciopero dei treni.
Però non tutti i male vengono per nuocere: il ritono l'ho fatto in compagnia di un bel ragazzotto che continuava ad attaccare bottone e a chiedermi di me.
Io ero lì che sbavavo e rispondevo....poi quando sono rinsavito mi sono accorto che voleva solo sapere i fatti miei ma i suoi non li raccontava.Che strane queste persone che all'apparenza sembrano affabili e poi dopo appaiono per...

Leggi tutto l'articolo