Quer pasticciaccio brutto de Lusi....

Io lo corgo a quer fijo de 'na zoccolona ;jè mozzico  la capoccia  infame,teneteme sinnò m'ò magno vivo quer bojaccia traditore che nù è artro,quer fijo d'un cornuto che cià le corna più d'uncesto de lumache de San Giovanni.Me rode er chiccherone solo a pensà quanto è stato infame cò l'amichi....e quanto s'è magnato er gargarozzo suo.S'è fatta tutta la Margherita,ha fatto sparì nà cofana de sordi,e mò me dice puro che me li sò impippati e magnati c'ò l'amichetti mia;che ce li semo spartiti  cò  Papalini,li Popolari de Sora Rosi.Me posimo cecamme se è vero...Oddio chi è ,che ha oscurato er sole pe un'attimo ??Ma brutto fijo dè na 'mpunita,ma io te lascio sparso pè tera a pezzettini,ma prima te magmo er gricile e la capoccia.Ma cone se fà a dì  stè minchiate,a'nventasse'stà manfrina,a tiramme ,n 'ballo ,io che nun ho beccato mai una lire de più del dovuto.Lo possino dì li romani quanno facevo er sindaco de Roma quanto ero bravo  (a pinocchietto nun c'è provà e nun te allargà,perchè li romani hanno tirato un soffio dè sospiro quanno hai arzato er culo da quella sedia.Ma purtroppo l'ha presa un'artro tizio ,che nun stà facenno un cazzo  per Roma che pè li romani).Possimo cecamme (a morè nun giurà sennò sò guai e cazzi amari,c'iavrai le cimice dell'ascorto puro dentro le pennazze.),ho comannato  Roma cò Barbarella mia,prima c'arrivassero  l'Alemanni e nun  m'hanno  mai beccato  cor sorcio n'bocca ,che te posino ammazzà.Ho fatto er Giubileo ,cor Papa eravamio papa e ciccio,c'è spartivamo  l'Urbe ,tu te fai er Tevere de là e io me lo faccio in'dequà,ma lassame Prati,dove  ce abito co'mì moje Barbara.E penzà che da pischello  ero Radicale ,assistevo er papa laico Pannella,facevo er Marcotrafficante .Prima dè passà co li Rossi  ho fatto er Verde,no ali'semafori,c'avete capito,li mortacci vostri .Me piaceva un frego er' Zole che ride un po rincojonito nel suo sprendore,po' me so'  fatto Margherita e Asinello sardo cor professore .Poi sò diventato puro Ape.E ora chi so? Bho nun me ricordo nemmeno più. Me so' occupato de li monumenti e de vespasiani,ma no, nun facevo  er Centurione ar 'Colosseo,ve possino menà come dico io;facevo er ministro ,aho,er Ministro.Ho fatto  er concorrente  a palazzo Chigi.Ho battuto Fini ar'Campidoio.( ma a sor maè,  come tutti li politici come te,nun hai arzato mai nà paja e n'ai fatto mai in cazzo de lavoro serio)Mo'm'o trovo fiato  a fà la scorta  a Casini er casinaro,m'ha ' ngaggiato Cartagirone  a fa nà comparzata.Me lo [...]

Leggi tutto l'articolo