Questo è un Paese...

Questo è un Paese...
    Questo è un Paese che ha relazioni stabili, diplomatiche e un concordato con lo Stato della Città del Vaticano che fa rientrare nelle sue fila i tradizionalisti lefebvriani sostenitori - a più voci - del negazionismo storico sull'Olocausto, epigoni dell'azione "disinfettante" delle camere a gas hitleriane.
E dove il capo di tale Stato, nonché capo dei cattolici di tutto il mondo, Joseph Ratzinger, dichiara che “non era al corrente” delle posizioni di quei cosiddetti tradizionalisti.
Questo è un Paese in cui chi è rimasto senza tetto viene costretto a dormire all’addiaccio, raggomitolato sui cartoni, e può morire di freddo: a Milano, è di ieri la notizia della settima vittima di questo inverno nell’indifferenza non soltanto dei cittadini ma di chi dovrebbe avere cura, istituzionalmente, delle persone, soprattutto di quelle più povere.
Ma hanno troppo da fare per l’Expo...
E se il “barbone” non muore di freddo, può sempre morire, come a Rimini, perché cosparso di benzina e bruciato vivo da alcuni criminali “annoiati”.
Questo è un Paese dove Cisl e Uil rompono l'unità sindacale e firmano una intesa con governo e imprenditori per sostenere le esigenze di profitto di questi ultimi e attaccare ancora una volta il movimento dei lavoratori dando una mano a chi vuole decurtare i loro salari.
Questo è un Paese in cui i medici dovranno denunciare all'autorità giudiziaria gli immigrati privi di permesso di soggiorno; in cui la tassa per ottenere e rinnovare tale permesso di soggiorno per ciascun emigrato è fissata a 200 euro; in cui sono autorizzate "ronde padane": gli enti locali saranno cioè "legittimati ad avvalersi della collaborazione di associazioni tra cittadini al fine di segnalare agli organi di polizia locale eventi che possano arrecare danno alla sicurezza urbana ovvero situazioni di disagio ambientale".
Soltanto grazie a un emendamento di Felice Casson, queste ronde non potranno perlomeno "girare armate" e non dovranno "cooperare nello svolgimento dell'attività di presidio del territorio" così come era stato previsto nel testo licenziato dalla commissione Giustizia del Senato.
Pare perfino impossibile che in un Paese del genere vi sia ancora qualche Felice Casson.
Roba da considerarlo un eroe alla stregua del comandante dell'aereo ammarato nell'Hudson...
Questo è un Paese in cui William Guiebre, originario del Burkina Faso, di nazionalità italiana, a Milano lo scorso settembre viene ucciso a sprangate da un commerciante al quale ha rubato un pacchetto di [...]

Leggi tutto l'articolo