Questo leggero piovere

Questo leggero piovere insistente     che a lungo andare la terra inzuppa    meglio d'una spugna    accostata all'acqua limpida, corrente!     Da mezzanotte da soffici nuvole discende    e tenerissima s'adagia su giardini     e campi appena arati su foglie d'erbe e piante,   su insalate in orti,     su tegole di case e capannoni.
   Ma tu, amore mio profumato e bello,    a quest'ora antelucana dormi placida e serena    o, torturata dall'insonnia,    sei da ore e ore sveglia a numerar le stelle?    Lo senti oltre le imposte chiuse    questo monotono lacrimare delle nuvole,    questo precipitare    d'un filo sottile d'acqua nella gronda?    E'  il tuo cuore placido stamane    o si lascia vincere da nere solitudini,   da angosce che debilitano,   da inadeguatezze che generano il pianto    nel cuor delle bellissime pupille?    Ti prego, lasciati bastare l'amor mio,    lasciati lenir la sofferenza    dal mio esserti vicino notte e giorno    nelle intenzioni del mio cuore ardente;    lascia che piangano le nuvole stamane,    non i tuoi occhi così da me ambiti,    così belli.
  

Leggi tutto l'articolo