RAGGI-LORENZIN E QUELLE BUFALE DI STATO

Da quando Virginia Raggi è stata eletta sindaco di Roma a scapito del candidato del Pd Roberto Giachetti, nemmeno per un istante il Pd e i tutti gli altri partiti in maniera trasversale - sia che compongono la minoranza della giunta capitolina o siedono comodamente in Parlamento tra gli scranni della maggioranza o delle opposizioni - non hanno smesso di attaccare la sindaca, in alcuni casi giustamente in altri strumentalmente, evidenziandone l'inesperienza e l'inefficacia del suo operato.
Giungendo ad attribuirle senza alcuna vergogna le responsabilità di tutti i mali della capitale, seppure antecedenti alla data della sua elezione.
Mostrando di dimenticare che molti dei problemi ereditati dalla giunta Raggi, in primis un debito che si aggira intorno ai 15 miliardi di euro, derivano dalle pessime gestioni delle precedenti amministrazioni di centrosinistra e centrodestra da cui trasse linfa quel cancro ribattezzato Mafia Capitale.Ma com'è da abitudine consolidata, laddove i grillini...

Leggi tutto l'articolo