RAT

Grazie, grazie di cuore.
Davvero.E' un onore per me ricevere questo premio.
Mi sono battuta anni e anni per la causa animalista, sono scesa in piazza con voi a bruciare le pellicce, con voi ho liberato i cani dai canili e le vacche pronte per il macello.
Senza di voi non avrei raggiunto i risultati ottenuti ma non mi sentirei in pace con la mia coscienza se adesso non vi confessassi il mio ODIO sordo e profondo per i topi.
Si, i topi.
Qualunque genere di ratto mi fa schifo.
Non sopporto la loro vista.
Mi repellono coi loro musetti appuntiti e poi sono sporchi e portano malattie.
Non ho mai capito il perché della loro squallida esistenza che ritengo inversamente proporzionale alla loro rozza prolificità pari solo a certe specie inferiori umane che si riproducono incessantemente partorendo immonde creature che toccherà a noi mantenere.
Non avete mai provato la sensazione di un ratto schifoso che si arrampica velocemente sulle vostre gambe? Quale orrore è più grande? E quale voglia più grande che sopprimerlo, schiacciarlo con una badilata o incollarlo alla carta topicida guardando le sue zampette piene di colla appiccicosa che lo tengono legato mentre quel corpo tozzo si dimena? La perfidia mi esplode in tutta la sua virulenza quando li vedo nelle vecchie trappole a molla squittire piagnucolando mentre parti delle loro piccole budella si sparpagliano nel parquet lucido.
E quale godimento maggiore è vederli assettati rincorrere l'acqua dopo essere stati avvelenati con quelle pillole prodigiose che gonfiando il loro stomachino li rinseccano fino a ridurli polvere? Spero che finisca l'epoca delle loro cacchette lasciate come ricordo tra lenzuola e federe nell'angolo più recondito dell'armadio e che finalmente i gatti tornino a fare il loro dovere di bestie e muovano i loro culoni pieni di croccantini e eliminando il roditore ripugnante dal creato.Cio' detto, mi prendo il mio premio come donna animalista dell'anno.

Leggi tutto l'articolo