RAZZISMO FRA I BANCHI DI SCUOLA: Maestra insulta bimbo di colore: "Riporti suo figlio nella giungla"

L'insegnante, una giovane precaria, urla contro gli alunni agitati: 'Asini', 'bestie' e anche qualcosa di più forte. A fine lezione rivolge, alla mamma adottiva di un bimbo, la frase incriminata: "Signora, lo riporti nella giungla".
Il giorno dopo viene sollevata dall'incarico   Milano - "Lunedì pomeriggio, lezione di matematica in una scuola elementare di Milano.
C'è un po' di confusione in prima.
La maestra, una giovane precaria arrivata in quell'istituto da meno di un mese, non riesce a gestire la classe.
Perde il controllo, urla e insulta gli alunni.
'Asini', 'bestie', grida.
Trascende.
'Stronzi', dice.
Poi, a fine lezione, davanti a genitori e piccoli, si rivolge alla mamma adottiva di un bimbo di colore: "Signora, lo riporti nella giungla".
Il giorno dopo l'insegnante viene sollevata dall'incarico.
Razzismo, inesperienza, incapacità di insegnare.
Difficile capire cosa sia scattato nella testa di quella docente che già dai primi giorni di lezione aveva suscitato qualche perplessità nelle famiglie.
Un crescendo.
Fino all'episodio di questa settimana".
E' quanto si legge nelle pagine di cronaca cittadina del 'Corriere della Sera', in un articolo di Annachiara Sacchi.
"Martedì mattina - racconta la preside, Maria Cristina Rosi - i genitori del piccolo erano nel mio ufficio.
Mi hanno raccontato tutto, lasciandomi senza parole.
Dopo tre minuti ho convocato la docente.
Mi tremava la voce per l'indignazione".
Nessun licenziamento.
Tantomeno sospensione.
"Non abbiamo il potere per emettere certi provvedimenti - confessa la dirigente - e questo mi distrugge".
Unica arma possibile: "Ho 'consigliato' alla maestra di mettersi in malattia.
Del resto una persona che ha certe rezioni ha bisogno di cure.
E sicuramente non può stare vicino ai bambini".
Armi spuntate contro docenti inaffidabili e fannulloni.
Nonostante la volontà di tanti dirigenti coraggiosi che - si prosegue a leggere -, come Maria Cristina Rosi, non hanno paura di denunciare quello che a scuola non funziona.
"Mi opporrò in tutti i modi - dice - all'immissione in ruolo di questa docente".
Come? "Ancora non lo so, cercherò di produrre una serie di documenti che mettano alcuni punti in chiaro.
Troppi docenti impreparati, incapaci di confrontarsi con la classe.
E un sistema, quello del loro reclutamento, che piace sempre meno ai dirigenti scolastici".

Leggi tutto l'articolo