RAZZISTI E S...FASCISTI

                                     Un vero atto di intimidazione! Non riesco a definire altrimenti la richiesta di costituzione di parte civile avanzata dal titolare del Viminale avverso la donna italo-somala che qualche giorno fa ha denunciato di essere stata umiliata e insultata da alcuni agenti della Polizia di frontiera durante una perquisizione corporale svoltasi all’aeroporto di Ciampino.Gli avvocati della signora Amina hanno presentato un esposto alla Procura di Roma ipotizzando la consumazione dei reati di perquisizione arbitraria e minacce con l’aggravante dell’odio e della discriminazione razziale.Per tutta risposta il ministro degli interni, del quale è saggio non indicare il patronimico giacché il farlo comporterebbe il reato di istigazione a chiamarlo così come nomen omen vorrebbe, se n’è uscito con una reazione di chiaro stampo legaiolo definendo una montatura giornalistica il caso della donna somala, prospettando la richiesta di un risarcimento danni che altro non è se non un avvertimento, in puro stile mafioso e fascista, il segno premonitore di un clima in cui sarà difficile, se non impossibile, protestare liberamente per far valere i propri diritti non più riconosciuti come tali da uno Stato che si avvia a diventare uno stato di polizia.L’esercito schierato nelle città a garantire il supposto ordine pubblico non è cosa da Paese civile e democratico, le garanzie costituzionali sospese, i lodi schifani-alfani, il leccaculismo mediatico e le lodi sperticate dei laudatores prezzolati sono tipiche dei regimi dittatoriali; le discariche elette a siti di interesse nazionale presidiate e militarizzate sono invece degnissime di uno stato che affoga nell’immondizia istituzionale, così come il clericalume imperante che detta l’agenda politica al fariseume trionfante non è degno di una Nazione indipendente e sovrana.Un esecutivo che governa a colpi di maggioranza pro domo sua e decreta seduta stante la regalità del sovrano italiota non fa altro che confermare che l’ex repubblica italiana è ormai in balia di una risma di agiografi ossequiosi e cavalier serventi, attenti solo a non ostacolare lo sputtanamento e la putinizzazione dell’ex belpaese (anche il veltro se n’è accorto, alla buon’ora!) avviato da un riccastro sfondato al quale da ultimo fa bordone pure la sua schiatta che deborda, mefitica, dalle cloache di famiglia per parlare improbabilmente e senza cognitio causae di “etica negli affari e nella finanza”.Parlassero piuttosto della [...]

Leggi tutto l'articolo