RECENSIONE / MEGADETH DYSTOPIA (2016)

Il 2016 sara ricordato come l anno del ritorno  delle stelle del thrash...Metallica , Anthrax e Testament ci hanno deliziato con le loro ultime uscite ....barlumi e speranze di un domani vittorioso si ravvisano tra le note di Hardwired e All for the kings ....ma non tutte le ciambelle riescono con il buco....Pubblicato ad inizio anno , Dystopia era atteso al varco  (dopo il  recupero fisico di Megadave , reduce da una delicata operazione alle corde vocali ) per far dimenticare il passo falso di Super Collider.... ma nonostante le premesse per un grande ritorno ci fossero tutte....il reclutamento di una grande formazione ...Kris Adler e Kiko Loureiro , rispettivamente ex Lamb of God e Angra ...l album tradisce le aspettative ....non è un mistero che dal 1990 i Megadeth non pubblicano niente di interessante....e la conferma arriva da Dystopia che denota un Megadave a cortissimo di idee....Sia chiaro la band suona alla grande ...la tecnica dei singoli non si discute ....ma....il ritornello dei tempi gloriosi e sempre lo stesso .....
Passiamo alla musica... The Threat Is Real apre le danze con un riff cortocircuitante , sound sporco e la voce di Mustaine ,che risente dell evidente trauma post operatorio, abbastanza rauca ma sempre fedele al suo timbro , un buon inizio ...Loureiro calca le orme di Friedman....la title track mi fa storcere gia il naso....qui ci aggiriamo troppo sfacciatamente sui territori di Hangar 18....la band suona compatta e tutto funziona a meraviglia ma il confronto con la celeberrima track di Rust in Peace e troppo evidente nelle forme e nei contenuti ....Fatal Illusion la cui anteprima risale ad un paio di mesi dalla pubblicazione sul mercato di Dystopia ,  costruito su linee gradevoli ,non regala nulla memorabile e anche qui note del passato vengono a galla ....Death from Within Mustaine concede spazio  ai suoi compagni di ventura e si sentono cose interessanti....Adler alle pelli in evidenza con il suo talento personale  a dir poco sconvolgente e i riff di Loureiro , nonche il solo, di  pregiata fattura ....ecco se Mustaine smettesse i panni del Roger Waters della situazione ...forse i Megadeth a.d. 2016 vivrebbero una nuova stagione dell oro....Bullet to the Brain dall incedere marziale , piacera ai nuovi fans  , ma non ai fans di vecchia data  cui fara capolino qualcosa del vecchio repertorio  ,  i nuovi arrivati , sopratutto Loureiro,  riescono a dare un tocco di freschezza all intero contesto [...]

Leggi tutto l'articolo