REGIONE AUTONOMA A STATUTO SPECIALE: Secondo Atto

  Qui sotto il comunicato stampa con cui “Lavori in Corso” ed il “Partito d' Azione Civica” avvisano gli organi d'informazione della seconda richiesta di convocazione del Consiglio Comunale di Cantù in merito alla delibera di costituzione di una nuova Regione a Statuto Speciale.
Più sotto l'informativa al Prefetto di Como in cui si esplicita che, seguendo anche le informazioni legali da lui ricevute, vi è stato un mutamento di rotta: delibera per istituzione di nuova Regione (denominata Insubria) e mozione per trasformarla in seguito in Regione a Statuto Speciale.
Troverete qui all'inizio anche i collegamenti atti per visionare tutte le documentazioni presentate ed esplificative del procedimento in essere.
Buona lettura, Giorgio.
  Nuova richiesta di convocazione presentata al Presidente del Consiglio Comunale   Relazione illustrativa ad agio dei Consiglieri Comunali   Nuova Delibera atta all'istituzione di una nuova Regione a Statuto Ordinario   Mozione di proposta di trasformazione in Regione a Statuto Speciale     Comunicato stampa Vi giro (qui in calce) la mail inviata al signor Prefetto allo scopo di notiziarlo tempestivamente della nuova richiesta di convocazione del Consiglio Comunale (relativamente alla questione di cui in oggetto) da noi protocollata ieri mattina (5 giugno) e della quale trovate, in allegato, la relativa documentazione (richiesta, relazione esplicativa, bozza di delibera, bozza di mozione).
Ai sensi di legge il consiglio dovrà pertanto essere convocato entro il 25 giugno e se il Presidente anche questa volta non lo convocasse per tempo il Prefetto in questo caso interverrebbe a nostro favore in quanto la procedura adottata è stata previamente concordata con lo stesso.
Chi pensasse dunque di ricorrere nuovamente a qualche improbabile cavillo burocratico per tentare di stoppare l'iniziativa dovrà farsene una ragione: questa volta il Consiglio ci sarà e tutti dovranno esprimersi nel merito.
Vedremo perciò chi blatera e chi agisce.
Precisiamo che, pur continuando a ritenere che la procedura più snella da noi precedentemente adottata fosse del tutto legittima e costituzionalmente fondata, abbiamo ciò non pertanto ritenuto di adottare la diversa procedura concordata col signor Prefetto, la quale consente, de facto, di ottenere il medesimo risultato ricorrendo semplicemente ad una doppia contestuale delibera consiliare (ossia: delibera ex art.132 C.
e contestuale mozione a sostegno dell'autonomia speciale modello Alto Adige).
Cordiali saluti.
Claudio Bizzozero       Mail [...]

Leggi tutto l'articolo