RENZI E LA MALEDIZIONE DELLA LEGGE ELETTORALE

Quando nel 2005 quel genio del ministro delle riforme Calderoli presentò e fece approvare la legge elettorale da lui stesso definito “una porcata”, da cui “porcellum”, pensata per favorire la destra e impedire alla sinistra di vincere le elezioni, il centrodestra fu clamorosamente sconfitto, dando vita al secondo governo ProdiI 
La maledizione si è ripetuta adesso.
Una legge elettorale fatta per contenere, pare, il Movimento 5 Stelle, ha penalizzato proprio Renzi e Berlusconi.
Ma mentre ne caso di Forza Italia i voti sono rimasti “in famiglia”, migrando per buona parte verso la Lega, nel caso di Renzi sono migrati verso il M5S e verso l'astensione, dando il colpo di grazia ad un partito in agonia da molto tempo per le varie correnti e correntine interne a cui Renzi sembrava, tuttavia, aver messo un freno.
Dare la colpa di tutto a Renzi sarebbe ingiusto.
Lui è il figlio di quelli che lo hanno preceduto, dei Bersani, dei D'Alema.
Di tutti coloro che hanno fatto della sinistra una nuova D...

Leggi tutto l'articolo