RETHYMNO

 Rethymno Un paradosso si basa sulla dichiarazione che tutti noi siamo dei mentitori, io sono diverso, sono sincero.Ero bambino nel '24, ma mi ricordo di averli visti arrivare, pronti a ripagare con la violenza il nostro buon governo, coi sorrisi da lupo, pronti a promettere di sgozzarci come capre; quella l'unica cosa che conoscono bene, le capre, il cui puzzo ancora li permea a tutti i livelli sociali.Agli inizi avevamo l'energia sprezzante ed i modi dei barbari, poi siamo stati vincenti in tutti i campi, molto più di loro.Sembrava che la nostra fortuna non avesse mai fine, hanno a lungo sopportato il giogo, poi in alcuni luoghi si unirono e ci arginarono, forse le mollezze, forse il destino.Poi un male, un male dei luoghi, probabilmente, le pigrizia connaturata alla natura e forse alla storia dei regni e degli imperi che avevamo conquistato, ha minato la robusta tempra della nostra razza.Siamo stati capaci, ancora, di spietatezze e spesso è riaffiorata quella barbarie, a noi imputata, ma che è stata spesso aiutata in noi e praticata alla grande da tutti gli altri popoli civili.Progressivamente nazioni più giovani della nostra si affollavano a beccare quel che avevano giudicato un cadavere, il nostro impero, i nostri territori.Altri scoprivano sentimenti, ideali romantici che li portavano a difendere popolazioni da noi oppresse (come se loro le loro minoranze le trattassero meglio), mentre i loro governanti ne schiavizzavano altre, e ci mandavano a lottare e morire ragazzini e poeti.Io personalmente sono nato a Creta, a Rethymno, precisamente, in una famiglia che ha dato sempre funzionari allo Stato.
Ho sentito narrazioni di emigrazioni, di espropri ed ho fatto a tempo a vedere i nostri edifici sacri profanati man mano che la "liberazione" avanzava.Quella era la nostra terra, non meno di quanto potesse essere Ellenica, Smirne o Costantinopoli.
Cosa possiamo sperare nella clemenza di quelli che duemila anni fa regnavano scannandosi su questa povera terra ? Forse non eravate stati trattati peggio dai veneziani ? Forse non avevate sentito le palle di cannone fischiare sul vostro Partenone ad Atene ? E non eravate stati perseguitati per la vostra Ortodossia ?Io stesso ho potuto vedere, dopo la fuga, le foto della nostra Moschea trasformata in centrale elettrica e tutti quelli della nostra fede scacciati come fossero stati tutti oppressori ed aguzzini...com'era bella Creta eravamo Musulmani, Cristiani, Ebrei, c'era la festa del vino e bevevamo si bevevamo anche noi non solo il vino ma anche il raki, che sbornie [...]

Leggi tutto l'articolo