ROCCA SBARUA - Via Cinquetti / Burdino

  Regione: Piemonte  Partenza: Borgata Dairin (mt.950) Quota attacco: mt.
1.000 Quota arrivo: mt.
1.200 Dislivello: mt.200 Difficolta’: D+ / 5b (4c obbl.) Esposizione: Sud Rifugio di appoggio: Rifugio Melano (in ristrutturazione) - Agriturismo Fiorendo Attrezzatura Consigliata: NDA; indispensabili dadi e friends  Condizioni: Ottime Valutazione itinerario: Ottimo Commento:       Oggi decidiamo per questa lunga trasferta in terra piemontese per visitare la Rocca Sbarua di cui abbiamo spesso sentito parlare molto bene.
E’ una zona idilliaca soprattutto in questo periodo in cui i colori dell’ autunno la fanno da padrone mentre si cammina per i bellissimi boschi di castagni e faggi per giungere all’attacco dei vari speroni.
Da Pinerolo si seguono le indicazioni per la Val Lemina e, salendo lungo una stradina piuttosto stretta e ripida ma sempre ben asfaltata, si attraversano varie borgate giungendo dopo ca.30 min.
a Dairin dove si lascia l’auto lungo la strada (ci sono degli slarghi ma spesso si fa fatica a parcheggiare per la notevole quantita’ di auto….oggi non abbiamo avuto problemi).
Da qui in un’ altra mezz’ora si giunge al Rifugio Melano (in ristrutturazione) da cui si ha una buona vista sui vari settori della rocca.
Dal rifugio si segue il sentiero evidente che prosegue pianeggiante nel bosco sino a giungere in poco tempo alla base dei vari speroni (Normale, Rivero, Cinquetti…); il settore da noi scelto e’ il Cinquetti e la via e’ la classicissima “Cinquetti – Burdino”,  aperta negli anni ’30.
E’ una via di 8 tiri per uno sviluppo di ca.
200 mt.
su ottima roccia (gneiss ma spesso sembra di arrampicare su granito…), con chiodatura a spit non particolarmente ravvicinati (quasi tutti i passi piu’ duri sono obbligatori fatta qualche eccezione), ma ben integrabile con dadi o friends nei vari diedri e fessure.
La sequenza dei tiri e’ la seguente: 1° tiro: 4a - pilastrino a placche con risalto verticale circa a meta’ 2° tiro: 4b – difficile diedro aperto e placche gradinate 3° tiro: 4a – placca compatta che si risale grazie ad una fessura sulla sin.
(noi abbiamo concatenato il 2° e il 3° tiro)   4° tiro: 5a  - magnifico diedro con fessura che si risale in dulfer (ben proteggibile a friends) poi placche verso dx.
5° tiro: 5b (4c obbl.) – si prosegue sotto il grande arco salendo in spaccata con i piedi in placca e mani in fessura sulla sin., risalendo infine un difficile gradino 6° tiro: 4b – strapiombino molto atletico (spit non molto visibile appena sopra) [...]

Leggi tutto l'articolo