ROMA,OSPEDALE SANT'EUGENIO SENZA BIANCHERIA PER I PAZIENTI

A lanciare l'allarme sulla carenza di biancheria è stato il Sindacato degli infermieri Nursind di Roma,che ha inviato una lettera ai Vertici dell'Asl Roma 2,chiedendo  spiegazioni."Si sceglie di cambiare il paziente che sta peggio.Ma ditemi voi se è sufficente un solo cambio al giorno per Pazienti Allettati,sudati,portatori di Catetere",racconta un Infermiere.Non si tratta di un disguido casuale nelle forniture.Ma di un taglio ufficiale della biancheria contenuto nella rinegoziazione del Contratto con la Ditta di noleggio Lavanolo.Tra le rimodulazioni previste si legge infatti,"La cessazione delle forniture della biancheria piana per gli accessi in codice bianco e codice verde presso le Unità di Pronto Soccorso dei pp.oo".Cioè,per tutti i soggetti non urgenti,(codice bianco),e quelli poco critici,(codice verde),che però hanno subìto traumi o fratture ed hanno bisogno di una barella o di un letto.Considerato che i codici verdi in un Pronto Soccorso rappresentano circa l'80% degli accessi un una giornata,una misura del genere ha un impatto fortissimo,tanto che la Direzione dell'Asl Roma 2 è corsa in qualche modo ai ripari.Il Commissario Straordinario con un Delibera ha approvato l'integrazione delle forniture di biancheria,ma solo per gli accessi con permanenza superiore alle 24 ore,in quanto,paragonabile a giornate di Degenza.E per tutti gli altri?Niente!"Nessuno ci ha avvisati,sbotta un altro Infermiere."E poi come facciamo a sapere in Anticipo per quanto tempo rimarrà il Paziente in Pronto Soccorso?Secondo loro dovremmo lasciarlo soffrire?La Sanità è un servizio che dobbiamo garantire a tutti i cittadini." ADDIO AL GIGANTE DEL CINEMA ITALIANO BUD SPENCER.
CI MANCHERAI.

Leggi tutto l'articolo