RUSSIA, PER ASTI IL PRIMO MERCATO MONDIALE...MA CON SERIE PREOCCUPAZIONI PER LE CONTRAFFAZIONI DI UCRAINA E MOLDAVIA

L’Asti, una delle eccellenze italiane più apprezzate al mondo, è vittima delle contraffazioni in continuo aumento in Ucraina e in Moldavia, che oltre le perdite economiche danneggiano l’immagine del re delle bollicine. Ora si teme per il mercato russo, strategico e fondamentale per l’Asti docg.
Si tratta di numeri impressionanti, in Ucraina e in Moldavia vengono prodotte e vendute milioni di bottiglie di Asti falso, recando un danno immisurabile al nome della pregiata denominazione. La paura dei produttori è che le bottiglie taroccate intacchino la Russia, che a partire dalla fine del 2013 rappresenta per l'Asti il primo mercato mondiale.
Nonostante la crisi sorta in seguito alla guerra economica delle sanzioni, che hanno colpito il sistema di distribuzione russo, i consumatori russi non hanno perso interesse per l'Asti e hanno continuato a comprare il pregiato vino italiano. Quali misure verranno adottate per combattere la contraffazione in Ucraina e in Moldavia? Quale prospettiva h...

Leggi tutto l'articolo