Radio Vaticana

              Rizzo, Pc: no a mercificazione bimbi e sfruttamento donne povere Il segretario del Partito Comunista Marco Rizzo - ANSA 20/02/2016 13:59 SHARE: Dibattito acceso in Italia sulle Unioni Civili.
Torna a reclamare lo stralcio della stepchild adoption il ministro della Salute Lorenzin, che in un tweet chiede di considerare l’utero in affitto un reato penale.
Una condanna arriva anche dal segretario del Partito Comunista Marco Rizzo secondo il quale il ddl Cirinnà è una legge finalizzata a distogliere l’attenzione dal massacro sociale ai danni dei lavoratori.
Paolo Ondarza lo ha intervistato: R.
- Io credo che ci sia un problema, in generale, di questa sinistra e non solo a livello italiano, ma anche a livello europeo.
Pensi a quello che sta accadendo in Grecia con Tsipras: dove vengono, appunto, concesse le unioni civili e quant’altro per i gay, ma vengono al contempo tagliate le pensioni, la sanità, l’assistenza, lo stato sociale, l’istruzione… Sono – diciamo così – delle concessioni che vengono fatte quasi a copertura di un danno incommensurabilmente più forte.
Io sono per i diritti a tutte le persone, però il problema non è tra il gay e l’eterosessuale: il problema è tra il gay ricco e il gay povero.
Spesso queste questioni vengono dibattute così tanto e permeano così tutta la discussione politica nazionale, anche le discussioni tra le singole persone, per distrarre un po’ da temi ben più rilevanti: perché se io ti levo la pensione, ti levo il lavoro, ti tolgo l’istruzione e ti tolgo la sanità, poi che me ne faccio dell’unione civile? D.
– Riferendosi al Ddl Cirinnà, lei ha usato un’espressione forte: ha parlato di “arma di distrazione di massa”… R.
– Distrazione di massa, infatti! Si distraggono le persone dalle questioni principali.
La questione principale nel mondo è la disuguaglianza, è tra ricchi e poveri.
Questa è una società basata esclusivamente sul denaro… D.
– Quindi sta dicendo: si sta dibattendo tanto attorno al Ddl Cirinnà, ma si sta nascondendo il massacro sociale ai danni dei lavoratori… R.
- E’ un massacro sociale non solo a livello generale, ma anche europeo, anche a livello delle classi sociali che una volta erano il ceto medio.
68 persone detengono quanto la metà della popolazione del mondo: cosa c’è di più alta concentrazione dei capitali che questa cosa? Quindi c’è la necessità di cambiare questo indirizzo.
Però queste persone, questi grandi potentati economici e finanziari hanno bisogno che queste cose non [...]

Leggi tutto l'articolo