Rally del Ciocco: primo giorno, prime sorprese

Si è ufficialmente aperta la stagione italiana del rally con la consueta prova inaugurale sulle strade toscane del "Ciocco", in lucchesia.
La prima delle due giornate di gara, sviluppata su ben 12 prove speciali, è stata caratterizzata dallo spettacolo e da alcuni colpi di scena, tra i quali spicca senza dubbio il problema accusato dal campione italiano in carica Paolo Andreucci a partire dalla PS3, con la sua Peugeot 208 in crisi con i freni.
Il pilota di casa ha quindi dovuto rincorrere fin dall'inizio, chiudendo la giornata in settima posizione e compromettendo così il rally d'esordio.
Ne ha approfittato il suo acerrimo rivale di sempre, Giandomenico Basso su Ford Fiesta che, con il dente avvelenato dopo la sconfitta nella classifica finale lo scorso anno, si è preso la testa della gara rifilando 21" a Perico su Peugeot e più di un minuto sulla sorpresa Michelini su Citroen DS3.
Ritiro nella PS12 anche per l'altro grande favorito, Umberto Scandola su Skoda Fabia a causa di problemi meccanici mentre l'equipaggio della casa ufficiale cieca occupava il podio virtuale della classifica dietro a Basso e Perico.
Da sottolineare inoltre la grandissima prova dell'equipaggio versiliese Caldani-Farnocchia su Ford Fiesta, attualmente al quarto posto assoluto.
La giornata conclusiva del primo rally stagionale prevede le ultime due PS, le più lunghe, Coreglia 1 e 2, che vedranno un Basso che tenterà di mantenere la leadership su Perico ed un Andreucci alla carica, come già è stato nella seconda parte della prima giornata, per tentare di recuperare più posizioni possibili e perdere quindi meno terreno possibile dall'arrembante Basso.

Leggi tutto l'articolo