Rapina al circolo, gambizzato un dipendente

Edizione SALERNO 26/05/2008 Rapina al circolo, gambizzato un dipendente SALVATORE DE NAPOLI Pagani.
Tenta una rapina in un circolo privato, ma un dipendente reagisce e il rapinatore spara.
Poteva finire in tragedia il tentativo di rapina messo a segno ieri mattina nel pieno centro storico della città, al viale Trieste, strada già funestata da assassini e tentati omicidi.
E' una tranquilla domenica.
La città vive ore di ansia per la partita dei suoi beniamini con la squadra del Lecco: chi vince resterà in serie C1.
Anche al viale Trieste si attende con ansia il fischio d'inizio della partita.
Al civico uno della strada, c'è un circolo privato che prende il nome dalla stessa via: in quel momento, nel locale ci sono una trentina di persone che stanno giocando ai vari intrattenimenti.
All'improvviso, entra un giovane armato di pistola e con volto travisato da casco integrale.
Armi in pugno, il rapinatore tenta di prendere l'incasso delle scommesse telematiche, ma un dipendente reagisce.
D.E.
di 37 anni, addetto alle scommesse, reagisce.
Sono attimi concitati.
Il giovane rapinatore con il calcio della pistola colpisce alla testa il dipendente del locale e poi gli esplode contro due colpi d'arma da fuoco, ferendolo alla gamba.
Il malvivente scappa e fa perdere le sue tracce, mentre la vittima si accascia.
Il ferito viene trasportato all'ospedale "Umberto I" di Nocera Inferiore, dove i medici diagnosticano una "ferita d'arma da fuoco alla coscia dx (destra, ndr), con foro di entrata ed uscita".
Insomma, fortunatamente, il proiettile è entrato e uscito dalla gamba.
Per l'addetto alle scommesse nel circolo non è stato necessario nessun ricovero ospedaliero e il trentasettenne paganese stato giudicato guaribile in 10 giorni.
Questa la prima ricostruzione fornita dai carabinieri, anche se le indagini sono ancora in corso, visto che quanto accaduto all'interno del locale di viale Trieste ha lasciato elementi ancora da verificare.
Al viale Trieste sono arrivati i carabinieri della tenenza di Pagani e della squadra investigazioni scientifiche del nucleo operativo di Nocera Inferiore che hanno trovato nel locale due bossoli per pistola calibro nove Lugher, quelli che si presume siano stati sparati dal rapinatore.
L'imprevista domenica mattina per i gestori del circolo privato non è finita solo con il tentativo di rapina.
I carabinieri del tenente Marco Pittoni e del nucleo operativo, infatti, dopo aver eseguito i rilievi nell'area interessato al colpo, hanno sottoposto il circolo a sequestro penale, e stessa sorte è capitata a [...]

Leggi tutto l'articolo