Rapina con sequestro di persona a Imperia

Imperia 12/09/2009 Rapina con sequestro di persona a Imperia: è scattata la caccia al basista Imperia - I carabinieri, che hanno effettuato il blitz in banca, dove i malviventi erano entrati prendendo come ostaggio una quarantenne aggredita per strada e trascinata nell'istituto di credito, hanno lavorato tutta la notte alla ricerca di elementi investigativi In provincia di Imperia e' scattata la caccia al basista, o meglio alla base logistica, in merito alla tentata rapina con sequestro di persona, messa a segno, ieri pomeriggio, al Banco di San Giorgio, in via Matteotti, a conclusione della quale sono finiti in carcere i quattro banditi, tutti di Palermo, che saranno processati la prossima settimana per direttissima.
I carabinieri, che hanno effettuato il blitz in banca, dove i malviventi erano entrati prendendo come ostaggio una quarantenne aggredita per strada e trascinata nell'istituto di credito, hanno lavorato tutta la notte alla ricerca di nuovi elementi investigativi.
I quattro, pero', erano sprovvisti di documenti o qualsiasi altro effetto che possa contribuire a ricostruire la vicenda.
Considerati professionisti, ognuno di loro, al momento dell'interrogatorio, ha raccontato versione diverse sulla provenienza a Imperia C'e' chi ha detto di essere giunto in auto, chi in aereo e chi in nave.
Non avendo documenti, inoltre, sono stati identificati tramite impronte digitali.
Rimangono, dunque, alcuni interrogativi da chiarire.
Tra gli interrogativi da chiarire, c'e' anche quello della base logistica.
E', infatti, probabile che qualcuno li abbia ospitati, ignaro che si trattasse di rapinatori.
Erano circa le 15.35, ieri, quando e' scattato l'allarme.
Una signora, preoccupata alla vista di un uomo che stava trascinando in banca la donna, ha composto il numero del 112.
L'operatore di centrale ha subito capito che poteva trattarsi di una rapina, e non di una lite tra fidanzati e sono cosi' partite cinque pattuglie.
I carabinieri hanno fatto irruzione in banca e ai banditi non e' rimasto che arrendersi.
Al momento della rapina erano presenti nell'istituto di credito 14 persone: 6 dipendenti e 8 clienti.
Sono cosi' finiti in carcere: Giuseppe Giuliano, 25 anni; Marco Pasca, 28 anni; Salvatore Scalia, 35 anni e Girolamo Federico, di 38 anni.
Sono tutti pregiudicati di Palermo ed alcuni hanno precedenti specifici.
Il bottino, consistente in circa 30.000 euro e 3.000 dollari statunitensi che aveva ordinato un cliente, e' stato riconsegnato alla banca.
Una guardia giurata, che passava casualmente dalle parti della banca, avendo [...]

Leggi tutto l'articolo