"Rapiniamo Palazzo Grassi". Il folle piano della banda

Cronaca 13 marzo 2016 L'INCHIESTA "Rapiniamo Palazzo Grassi".
Il folle piano della banda Ecco quanto emerge dall'ordinanza di arresto per la guardia giurata fermata per la rapina l portavalori di Preganziol TREVISO.
C'era un piano per mettere a segno un grande furto di opere d'arte a Palazzo Grassi a Venezia, la sede espositiva del magnate Francois Pinault, nei progetti di una banda sgominata il mese scorso dalla squadra mobile di Treviso.
Un 'colpo' milionario, in quadri e sculture, che avrebbe dovuto essere tentato lo scorso autunno, ma che naufragato perch stato scoperto, grazie alle intercettazioni telefoniche, seguendo le indagini sulla rapina 'combinata' compiuta ad un furgone della 'Civis' a Preganziol (Treviso) nel luglio scorso, per un bottino di 800 mila euro.
Svolta incredibile nelle immagini sul maxi colpo a San Trovaso.
A pianificare tutto inventando sequestro e commando è stato il vigilantes alla guida del furgone carico di denaro L'ipotesi che la banda poi sgominata per quel fatto - con l'arresto di una guardia giurata e due indagati, tra i quali un altro vigilantes - progettasse il 'colpo' a Palazzo Grassi, ha avuto conferme in serata, dopo le anticipazioni dei siti online, che ha citato il procuratore di Treviso, Michele Dalla Costa.
Le indagini sulla rapina al furgone della Civis avevano portato il 27 febbraio scorso all'arresto di una guardia giurata, Gianluca Schisano, che lavorava per la stessa societ, e alla denuncia di un suo collega e di un'altra persona.
Nel frattempo i tre erano stati intercettati dalla polizia, e nelle loro conversazioni era emerso il piano per il furto a Palazzo Grassi; anche se non chiaro quando il progetto criminale si sarebbe dovuto concretizzare, dato che il palazzo veneziano di Pinault non una sede espositiva permanente.
http://tribunatreviso.gelocal.it/treviso/cronaca/2016/03/13/news/rapiniamo-palazzo-grassi-il-folle-piano-della-banda-1.13119912?refresh_ce

Leggi tutto l'articolo