Reddito minimo garantito

    Dopo la “settimana per il reddito” si continua a firmare in tutta Italia per il reddito minimo garantito.
Con oltre 70 iniziative in tutta Italia si è caratterizzata la “settimana per il reddito garantito”.
7 giorni dal 15 al 21 ottobre in cui dal sud al nord del paese si sono organizzati dibattiti, presentazioni di libri, incontri, flashmob, approfondimenti, banchetti per la raccolta firme, cene sociali, azioni comunicative e tante altre idee che hanno dato vita ad una fantastica mobilitazione in forma autonoma ed indipendente (http://www.redditogarantito.it/settimana-rmg-appuntamenti/).
A tal proposito vi consigliamo di fare un giro sul web per cercare le tantissime foto che riprendono i tanti momenti di questa “settimana” perché tantissime iniziative non sono neanche contate tra le 70 che abbiamo raccolto! La “settimana per il reddito garantito” è stata un’idea promossa per dare ancora più forza ed energia alla campagna per la proposta di legge popolare per un reddito minimo garantito in Italia.
La risposta è stata un urlo che ha attraversato l’Italia e che ha saputo portare per le strade, le piazze, i mercati, i luoghi di socialità come mai prima d’ora, il tema del diritto ad un reddito garantito.
Una presa di parola forte che sta caratterizzando questa campagna popolare per un nuovo diritto sociale e che nel raccogliere le firme ha trovato una pratica vecchia come il tempo ma necessaria come non mai: parlare tra le persone di un nuovo diritto come il reddito garantito.
Ed è questa già una grande vittoria per tutti coloro che si sono e si stanno mobilitando per far si che la raccolta firme arrivi al fatidico obiettivo delle 50mila.
Una vittoria per tutti coloro che si sono mobilitati e che hanno saputo portare un tema cosi importante ed urgente per il nostro paese tra le strade delle città, confrontandosi con chi non era d’accordo, simpatizzando e trovando nuove energie per coloro che dicevano “finalmente!”, guardando con curiosità ed attenzione coloro i quali spiegavano quanto “sarebbe necessario” un reddito garantito e di quanto la crisi morde la vita delle persone.
“Sono una pensionata, mio figlio è disoccupato e mia nipote precaria, non posso lasciare nessuna eredità, ma metto la firma per il reddito garantito, cosi lascio loro un diritto nuovo!” In questa frase, raccolta al banchetto per le firme a Roma nel popolare quartiere di Casalbruciato, c’è la sintesi che racconta meglio a quante persone questa campagna ha parlato e sta parlando.
Per questo non [...]

Leggi tutto l'articolo